Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Scuola » Agitazione dei dirigenti scolastici e della pubblica amministrazione

Agitazione dei dirigenti scolastici e della pubblica amministrazione

Nel comunicato unitario delle Segreterie Confederali Cgil Cisl Uil del 6 2 2004 sulla mobilitazione dei Dirigenti Scolastici e delle Pubbliche Amministrazioni sono state indette due ore di assemblea in orario di servizio

09/02/2004
Decrease text sizeIncrease  text size

Nel comunicato unitario delle Segreterie Confederali Cgil Cisl Uil del 6 2 2004 sulla mobilitazione dei Dirigenti Scolastici e delle Pubbliche Amministrazioni sono state indette due ore di assemblea in orario di servizio, un’Assemblea Nazionale per la fine dello stesso mese e, in assenza di risposte positive alle legittime rivendicazioni dei 150 mila Dirigenti, una giornata di lotta di tutta la Dirigenza pubblica e della Scuola.
Tale iniziativa rafforza il percorso di mobilitazione dei Dirigenti Scolastici che CGIL CISL UIL Scuola e Snals hanno lanciato a sostegno della rivendicazione del Contratto, del Concorso ordinario, del ripristino della sovranità contrattuale colpita dall’estensione della Legge 145/2002 anche alla Dirigenza Scolastica.
Alla mobilitazione la Dirigenza Scolastica parteciperà con i suoi peculiari contenuti rivendicativi contenuti nella piattaforma unitaria presentata nell’ormai lontano settembre 2002.
In modo particolare, nel nuovo quadro, si rafforza la nostra richiesta di avvio del negoziato contrattuale che, per la Dirigenza Scolastica, si basa sulla fondamentale rivendicazione dell’equiparazione retributiva alle altre Dirigenze pubbliche, equiparazione promessa in campagna elettorale dalle forze dell’attuale maggioranza come “cosa fatta” nei primi cento giorni di Governo. Come anche si rafforza la nostra richiesta di eliminare totalmente gli effetti della Legge Frattini dalla Dirigenza Scolastica. Infatti, assume per noi particolare rilievo la rivendicazione delle Segreterie confederali del “ripristino della piena titolarità contrattuale su tutti gli aspetti del rapporto di lavoro già affermate con i contratti di lavoro attualmente vigenti e smantellate dalla legge sullo spoils system”.
Le assemblee dei Dirigenti Scolastici, che seguono le numerose altre svolte dall’inizio dell’anno, ribadiranno non solo le nostre rivendicazioni categoriali, ma avranno anche al centro gli aspetti illegittimi, già evidenziati da CGIL CISL UIL Scuola, del Decreto attuativo della Controriforma Moratti; in esse, inoltre, si ribadirà la necessità di partecipare alla manifestazione nazionale del 28 febbraio 2004 a Roma in difesa dell’autonomia della Scuola, la base costituzionale anche dell’autonomia dei Dirigenti Scolastici, e in difesa della sovranità delle scuole in materia organizzativa e didattica e di elaborazione dell’offerta formativa.

Roma, 9 febbraio 2004