Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
Home » Scuola » Personale ATA » Mobilità scuola 2016/2017: personale ATA, entro il 16 maggio le domande

Mobilità scuola 2016/2017: personale ATA, entro il 16 maggio le domande

Direttori dei servizi, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici presentano domanda online. Nella nostra guida la sintesi della normativa, utili informazioni e indicazioni per districarsi nella compilazione delle domande.

26/04/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

Le procedure della mobilità per il 2016/2017 sono suddivise in varie fasi (secondo il calendario definito dall’Ordinanza ministeriale) e sono diverse sia le tipologie di personale coinvolto che le tipologie di domande.

Il 23 aprile è terminata la prima fase di presentazione delle domande che ha interessato i docenti assunti entro il 2014/2015, i docenti assunti nel 2015/2016 nelle fasi 0) e A) e il personale educativo.

Quando presentare domanda

A partire dal 26 aprile e fino al 16 maggio 2016 il personale ATA può presentare via web, utilizzando la piattaforma istanze online (leggi la nostra scheda), la domanda di mobilità. In questo breve video le indicazioni di base. La pubblicazione dei movimenti è fissata al 22 luglio. È consentita la revoca della domanda già inoltrata non oltre il 18 giugno.

Chi può presentare domanda

Può presentare domanda di mobilità volontaria territoriale e professionale, obbligatoriamente con procedura online, tutto il personale ausiliario, tecnico, amministrativo e i DSGA con rapporto di lavoro a tempo indeterminato. A differenza del personale docente, per il personale ATA nella mobilità per diversa provincia non operano i nuovi ambiti territoriali per cui la mobilità continuerà ad avvenire su scuola.

Quali domande presentare

Si possono presentare fino ad un massimo di 4 diverse tipologie di domande.
Una per trasferirsi all’interno della provincia di titolarità ed un’altra per trasferirsi in una provincia diversa. Se ottenuto il movimento, questa seconda prevale sull’altra.
Poi si può fare anche (o solo) domanda per il passaggio di profilo (e fino a tre diversi profili con altrettante domande, avendone i titoli) all’interno della provincia di titolarità ed infine una quarta tipologia, sempre di passaggio di profilo, ma per una provincia diversa (mobilità professionale). La domanda di passaggio di profilo per altra provincia prevale su tutte le altre richieste.
Gli assistenti tecnici che intendono trasferirsi da un’area ad un’altra sia all’interno del proprio istituto che in altri, debbono sempre presentare domanda di trasferimento. Ai fini della mobilità professionale del personale Ata conservano validità anche i vecchi titoli in possesso alla data di sottoscrizione dell’ultimo Ccnl, e cioè alla data del 29 novembre 2007.

Cosa allegare alla domanda

  • la dichiarazione dei servizi (allegato D),
  • l’eventuale dichiarazione della continuità (allegato E);
  • la dichiarazione personale relativa alle esigenze di famiglia, alle idoneità conseguite in concorsi per posti di personale ATA;
  • per il passaggio di profilo o di area occorre dichiarare il possesso del titolo di studio previsto. Tutte le dichiarazioni sono in carta semplice;
  • per l’attribuzione del punteggio “una tantum” è obbligatorio dichiarare il triennio (compreso tra l’a.s. 2000-2001 e l’a.s. 2007-2008) in cui si è maturato il diritto per il fatto di non avere affatto presentato domanda volontaria di trasferimento o passaggio in ambito provinciale dalla scuola in cui, almeno dall’anno precedente, si era già titolari
  • eventuali diritti di precedenza (legge 104/92 e altro).

Per redigere la domanda i modelli devono essere conformi a quelli previsti dalla ordinanza ministeriale.

Le preferenze si esprimono utilizzando il menù a tendina nella sezione I dell’allegato online, indicando le scuole sede di organico ATA e/o i codici sintetici di comuni, distretti e provincia (vedasi bollettini ufficiali).

Normativa e documentazione

OM 241/16, dichiarazioni e autocertificazioni.

Per saperne di più

Nello speciale tutta la normativa, la modulistica e gli approfondimenti sulla mobilità.
È anche disponibile una guida analitica alla presentazione delle domande.
Per una consulenza mirata nella compilazione delle domande è possibile rivolgersi alle nostre sedi.