Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Personale ATA » Organici scuola 2015/2016: personale ATA, Faraone ribadisce l’impegno di eliminare i 2.020 tagli dal primo settembre

Organici scuola 2015/2016: personale ATA, Faraone ribadisce l’impegno di eliminare i 2.020 tagli dal primo settembre

Per la FLC CGIL questo è un ulteriore passo per far rientrare definitivamente il taglio e per affrontare il problema delle sostituzioni ATA.

05/08/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 5 agosto 2015, a seguito dell’emanazione della circolare sull’organico di fatto 2015/2016 (nota 22173 del 27 luglio 2015), su nostra richiesta, siamo stati convocati al MIUR per un incontro col sottosegretario Faraone in merito all’organico ATA, finalizzato alla restituzione dei 2.020 posti tagliati in organico di diritto con la legge di stabilità 2015.

Infatti la FLC CGIL aveva sollecitato una richiesta specifica d'intervento affinché l’impegno preso da Faraone il 14 luglio 2015 potesse essere tradotto in atti formali, dal momento che la circolare non aveva soddisfatto questa esigenza.

Il Sottosegretario ha ribadito quanto già espresso nel comunicato ufficiale da lui emanato di recente, dichiarando che, per raggiungere il risultato dell’annullamento dei tagli di 2.020 posti ATA dal 1 settembre, interverrà personalmente presso i Direttori regionali affinché, in sede di adeguamento d’organico, chiedano l’incremento necessario a colmare l’organico nella quota del diritto del 2014/2015.

Inoltre il Sottosegretario ha informato le organizzazioni sindacali di aver predisposto una programmazione delle prossime convocazioni al Ministero per il mese di settembre che riguarderanno i provvedimenti di attuazione della Legge 107/2015 e le relative deleghe previste.

La FLC CGIL, prendendo atto dell’impegno personale del Sottosegretario sul ripristino dei 2.020 posti, al di là delle modalità che egli metterà in atto per raggiungere l’obiettivo, ha manifestato anche la preoccupazione derivante dalle misure di blocco/contenimento delle supplenze del personale ATA (legge di stabilità 2015) che non potranno più essere effettuate e, per i primi sette giorni di assenza dei Collaboratori Scolastici, solo con sostituzioni a carico del Fondo per il Miglioramento dell’Offerta Formativa.

Il Ministero su questo ha espresso la volontà di affrontare la questione per trovare delle soluzioni concrete ad eventuali disfunzioni. Ma la FLC CGIL ha manifestato la sua contrarietà a non affrontare da subito, senza aspettare gli incontri di settembre, questa materia che ha bisogno di soluzioni immediate e radicali, di superamento di tali ostacoli al buon funzionamento delle scuole.

La FLC CGIL, prendendo atto della volontà di confrontarsi con le Organizzazioni sindacali sui passaggi attuativi della legge 107/2015, ha, inoltre, chiesto di portare a compimento il lavoro già intrapreso nei precedenti tavoli sugli organici ATA e in particolare:

  • revisione generale dei criteri di definizione delle tabelle organiche ATA con stabilizzazione in organico di diritto di tutti i posti disponibili,
  • internalizzazione dei posti accantonati sui collaboratori scolastici dove ci sono i servizi esternalizzati alle ditte di pulizia e sugli assistenti amministrativi (Co.co.co),
  • inserimento della figura di assistente tecnico nelle scuole del primo ciclo,
  • definizione di criteri nazionali per l’organico degli assistenti tecnici.

L’Amministrazione si è impegnata a riprendere questi temi ai tavoli tecnici a settembre. È nostra intenzione affrontare in quella sede anche il problema degli assistenti amministrativi facenti funzione.

Infine, abbiamo sollecitato il Ministero a fare una verifica riguardante l’avvio delle procedure assunzionali per gli ATA e l’atto d’indirizzo relativo agli incarichi di reggenza per i DSGA su due scuole, ai fini del pagamento dell’anno in corso.

Per la FLC CGIL questo è un ulteriore passo per far rientrare definitivamente il taglio con la legge di stabilità 2016 e superare quanto prima il problema degli ostacoli, introdotti dalla legge, nel ricorso alle supplenze ATA in caso di assenza del titolare.