Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Personale ATA » Personale Ata ex co.co.co: la FLC CGIL diffida il MIUR

Personale Ata ex co.co.co: la FLC CGIL diffida il MIUR

Inviata una diffida legale per rivendicare per tutti gli Ata ex co.co.co la trasformazione del contratto di lavoro da part-time a tempo pieno.

11/01/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

La FLC CGIL ha diffidato il MIUR “ad adottare immediati e tempestivi provvedimenti volti a trasformare da part-time a tempo pieno i contratti a tempo indeterminato di quei lavoratori che abbiano prestato servizio quali co.co.co nel comparto”.

Questo personale, dopo moltissimi anni di lavoro come co.co.co. nelle scuole, è stato assunto a tempo indeterminato a partire dal 1° settembre 2018 ma soltanto con contratto di lavoro part-time, subendo così una forte penalizzazione in termini economici e professionali.

Successivamente la legge di bilancio per il 2019 ha previsto, ma solo per una minoranza di loro (226 su 779), la possibilità per il prossimo anno scolastico di trasformare il contratto di lavoro da part-time a tempo pieno. È questa una evidente ingiustizia e discriminazione nei confronti di quei lavoratori che, loro malgrado, resteranno forzatamente con uno stipendio dimezzato nonostante gli impegni e le promesse da parte dell’Amministrazione di voler risolvere il problema per tutti gli interessati.

Qualora alla diffida presentata dalla FLC CGIL non verrà data risposta e non dovessero arrivare soluzioni per il tutti i lavoratori ex co.co.co. non resterà che l’azione giudiziaria per ridare giustizia e dignità al personale interessato.