Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Personale ATA » Personale Ata ex co.co.co: la FLC CGIL invia una richiesta d’intervento urgente al Ministro Fioramonti e all’On. Gallo

Personale Ata ex co.co.co: la FLC CGIL invia una richiesta d’intervento urgente al Ministro Fioramonti e all’On. Gallo

La FLC CGIL chiede la trasformazione del contratto di lavoro da part-time a tempo pieno per tutti gli ATA ex co.co.co., oppure la possibilità di poter accettare supplenze a completamento dei posti part-time.

20/09/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Prosegue la rivendicazione della FLC CGIL, che ha inviato in data 19 settembre 2019 - a firma del Segretario Generale Francesco Sinopoli - una richiesta di intervento urgente al neo Ministro Fioramonti e all’On. Gallo (Presidente della VII Commissione della Camera dei Deputati), al fine di adottare un provvedimento tempestivo a favore del personale ATA ex co.co.co, che vive una evidente ingiustizia da due anni.

_________________

Roma, 19 settembre 2019

Al Prof. Lorenzo Fioramonti
Ministro Istruzione, Università e Ricerca

All’Onorevole Luigi Gallo
Presidente Commissione VII
(Cultura, Scienza e Istruzione)
Camera dei Deputati

Oggetto: Intervento urgente a favore ex cococo scuola.

A nome della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL chiediamo un intervento urgente a favore del personale ex co.co.co. transitato con contratto part-time a tempo indeterminato nei ruoli ATA dal 1° settembre 2018.

Si tratta di personale che vive un enorme disagio sociale e subisce una vergognosa ingiustizia economica, poiché la legge di Bilancio 2019 (art. 1, commi 738-740) ha previsto la trasformazione a tempo pieno solo per una parte della platea del personale transitato, cioè solo per 226 ex co.co.co. su 779. 

Molti di questi lavoratori, spesso mono reddito, stanno percependo addirittura uno stipendio di molto inferiore a quello che percepivano prima del passaggio nei profili ATA.

Chiediamo che questa ingiustizia sia sanata con il primo provvedimento utile che l’azione governativa e parlamentare consentono, trasformando i contratti part-time in contratti a tempo pieno, oppure permettendo a questi ultimi di poter accettare supplenze a completamento dei loro posti part-time.

Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento si renda necessario al fine di superare una situazione davvero difficile che questo personale vive ormai da due anni.

In attesa di riscontro inviamo cordiali saluti.

Il Segretario generale FLC CGIL
Francesco Sinopoli