Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Personale ATA » Posizioni economiche ATA: blocco dei compensi e mani nelle tasche dei lavoratori

Posizioni economiche ATA: blocco dei compensi e mani nelle tasche dei lavoratori

NoiPA blocca l'erogazione dei compensi al personale che ne beneficia dal 2011 e recupera le somme già corrisposte da settembre 2013. Si rafforzano le ragioni dello sciopero con astensione dalle prestazioni aggiuntive.

14/02/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

Il MEF, tramite NoiPA, fa sapere col messaggio n. 16 del 14 febbraio 2014 che, in base a quanto disposto dal MIUR, ha provveduto sulla rata di febbraio alla chiusura al 31 gennaio dell'assegno di valorizzazione professionale (1 e 2 posizione economica) in godimento, con decorrenza dal 1 settembre 2011 o decorrenza successiva.

Provvederà, inoltre, sulla rata di marzo 2014 al recupero delle somme in più, corrisposte con decorrenza settembre 2013, sia in caso di eventuali nuove attribuzioni sia per quelle riguardanti posizioni economiche con decorrenza da settembre 2011. Al momento resta sospeso il recupero delle somme già corrisposte al personale interessato per i periodi da settembre 2011 ad agosto 2013. Il blocco si estende, inoltre, ad ogni eventuale nuova attribuzione del beneficio economico, anche se riferita ad annualità precedenti.

È scandalosa la gestione di questa partita da parte di MIUR e MEF, che dapprima si rimpallano le responsabilità, ma poi procedono di comune accordo per togliere le somme legittimamente percepite dai lavoratori.

È paradossale che il Ministero dell'Istruzione con nota 353 del 5 febbraio 2014 avesse "invitato" il Ministero dell'Economia a procedere al recupero delle somme già corrisposte, dopo essere stato caldamente sollecitato dal medesimo ad emettere la nota in questione!

Di fronte a una tale mortificazione nella dignità dei lavoratori reagiremo con assoluta fermezza. Invitiamo gli ATA ad aderire allo sciopero con astensione dalle prestazioni aggiuntive.

Resta ferma la nostra piena disponibilità a dare tutela legale ai lavoratori colpiti da questa misura iniqua. Chi lavora non può accettare di essere umiliato in questo modo vergognoso!

Video inchiesta di Report