Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Personale ATA » Posizioni economiche ATA: pagamenti a singhiozzo

Posizioni economiche ATA: pagamenti a singhiozzo

Denuncia della FLC CGIL al MIUR per alcune posizioni economiche ancora non pagate da NoiPA.

15/10/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

Nel mese di ottobre dovevano essere ristorate le posizioni economiche implicate nel blocco del MEF, a seguito della sequenza contrattuale all’Aran del 7 agosto 2014.

Le posizioni economiche, alle quali è stato ripristinato il pagamento del beneficio economico sul cedolino di ottobre (con dicitura “una tantum ATA CCNL 2014”), sono però solo quelle sospese da febbraio 2014.

Siamo, quindi, dovuti intervenire col Ministero per denunciare il mancato pagamento per alcune di queste coinvolte nel blocco (sempre tra quelle ottenute dopo il 1 settembre 2011).

Infatti, ce ne sono alcune che non hanno mai avuto alcun pagamento da parte delle RTS, a causa del fatto che gli USR non hanno trasmesso gli elenchi con i nominativi al MIUR per il blocco imposto dal MEF.

Queste ultime saranno, dunque, liquidate separatamente, non appena il Ministero avrà ricevuto dai propri uffici territoriali gli elenchi con i suddetti nominativi, da trasmettere al MEF per il pagamento. 

Abbiamo, pertanto, sollecitato il Ministero ad accelerare la procedura poiché gli elenchi devono essere predisposti dagli Uffici Scolastici Regionali e inviati al MIUR il quale, a sua volta, deve sentire il MEF per concordare le modalità della loro trasmissione tramite il sistema informativo centrale.

Ancora una volta le lungaggini procedurali dell’Amministrazione impediscono l’esercizio dei diritti dei lavoratori, che non sono stati pagati per attività regolarmente svolte negli ultimi tre anni.

Quindi, prima ancora di discutere di “efficientamento dei proces­si amministrativi”, introdotto nel Piano Renzi sulla Buona Scuola, che deve poter riguardare non solo le scuole ma, al pari anche tutti gli uffici ministeriali; oppure di digitalizzazione e dematerializzazione, che si vedono solo sulla carta, occorre far funzionare in modo regolare ed efficiente quello che già esiste e, soprattutto, fare in modo che le persone che hanno lavorato siano retribuite per tempo!