Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Personale ATA » Revisione dei profili ATA: secondo incontro all’Aran

Revisione dei profili ATA: secondo incontro all’Aran

L’Aran ha presentato un’ipotesi di lavoro per l’aggiornamento dei profili. La FLC CGIL si è riservata di approfondire la proposta di lavoro in previsione del prossimo incontro

11/06/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

L’11 giugno 2019, alle ore 11, si è tenuto presso l’ARAN (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle pubbliche Amministrazioni), l’incontro per la prosecuzione dei lavori della Commissione per l’Ordinamento Professionale ATA.

La posizione dell’ARAN

L’ARAN ha presentato un’ipotesi di lavoro per affrontare principalmente tre questioni:

  1. la definizione delle declaratorie di area, assenti nell’attuale contratto, che descrivano i contenuti di lavoro e i tratti comuni dei diversi profili professionali appartenenti alla medesima area;
  2. la ridefinizione e l’adeguamento dei profili professionali basandoli maggiormente sulle competenze professionali anziché sulle mansioni (in particolare per alcuni profili) per rispondere ai mutamenti organizzativi del lavoro e all’esigenza di una maggiore ampiezza degli ambiti professionali di riferimento;
  3. la previsione di percorsi di progressione professionale ed economica all’interno e tra i diversi profili.

La nostra posizione

La FLC CGIL ritiene che questa ipotesi di lavoro proposta dall’Aran possa rivelarsi utile a definire con maggiore chiarezza e trasparenza responsabilità, contenuti del lavoro e rispondenza dei profili rispetto all’organizzazione del lavoro attuale. La FLC si è comunque riservata di effettuare i necessari approfondimenti in merito alle proposte presentate, che siano coerenti con le recenti previsioni contrattuali sull’idea di scuola come comunità educante e dell’apporto dato da tutte le componenti Ata ai fini della realizzazione del progetto di istituto. Pertanto la revisione dei profili, compresa l’eventuale nuova individuazione degli stessi dovrà tenere conto di questo terreno di complessità lavorativa come delineata nelle linee guida unitarie approvate unitariamente dagli organismi statutari.

Il prossimo incontro con l’Aran sarà dedicato, oltre all’approfondimento dell’ipotesi di lavoro sopra illustrato, anche ad avviare una prima disamina dei contenuti specifici dei diversi profili professionali.