Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
Home » Scuola » Atto di indirizzo per la trattativa sulla sequenza contrattuale per il personale delle scuole italiane all’estero.

Atto di indirizzo per la trattativa sulla sequenza contrattuale per il personale delle scuole italiane all’estero.

In data 1 febbraio 2001 il Dipartimento della Funzione Pubblica (Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha trasmesso all’ARAN l’atto di indirizzo per la trattativa inerente il personale da destinare all’estero).

06/02/2001
Decrease text sizeIncrease  text size

In data 1 febbraio 2001 il Dipartimento della Funzione Pubblica (Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha trasmesso all’ARAN l’atto di indirizzo per la trattativa inerente il personale da destinare all’estero).
Risulta quindi ormai "formalizzata" la direttiva per la riapertura della sede di contrattazione.
E’ possibile adesso riaprire la discussione sull’invio con l’obiettivo del pieno recupero della materia alla contrattazione.
Le nostre scelte restano finalizzate a consolidare gli accordi già sottoscritti ripristinando l’attuale impianto dell’invio e a individuare una soluzione transitoria equilibrata che sani i "guasti" creati con la prima applicazione della L. 147/2000 con l’attenzione di non creare ulteriori sperequazioni tra la categoria.
L’atto di indirizzo ha il grande valore di avere ricondotto a sede pattizia l’invio all’estero in presenza di una legge approvata di recente dal Parlamento.
La coerenza della nostra organizzazione, si è manifestata nell’impegno per il ripristino della contrattazione avvalendosi in questo dell’intervento determinante della Confederazione.

Roma, 6 febbraio 2001

_____________________________________

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICAUfficio "Relazioni Sindacali"

Prot. N. 472/01/Segr.

1° Febbraio 2001

ALL’AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA
NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE
AMMINISTRAZIONI (ARAN)
VIA DEL CORSO n. 476 - 00186 ROMA

Oggetto: Atto di indirizzo all'ARAN per la trattativa ai sensi dell'art.30 dell'Accordo del 24 febbraio 2000 sulla sequenza contrattuale prevista dalI'art. 44 del CCNL Scuola 26 maggio 1999. Personale delle scuole italiane all'estero.

Si trasmette in allegato, ai sensi degli artt, 46 e 51 del decreto legislativo 29/93, l'atto di Indirizzo indicato in oggetto.

IL DIRETTORE DELL’UFFICIO: Silvana Riccio

_____________________________________________

Presidenza del Consiglio dei Ministri
DIPARTIMENTO DELLA FUNZIIONE PUBBLICA
"Ufficio relazioni sindacali"Serv. Contrattazione collettiva

Atto di indirizzo all’ARAN per la trattativa ai sensi dell'art. 30 dell'Accordo del 24 febbraio 2000 sulla sequenza contrattuale prevista dall'art. 44 del CCNL 26 maggio 1999 - comparto Scuola - personale delle scuole italiane all'estero.

Il Presidente dei Consiglio dei Ministri, tramite il Ministro per la funzione pubblica, di concerto con il Ministero della pubblica istruzione e il Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, acquisito il parere del Ministero degli affari esteri, nell'esercizio delle competenze relative alla contrattazione collettiva dei dipendenti delle Amministrazioni di cui all'art. 46, comma 2, del decreto legislativo n. 29 del 1993, impartisce all'ARAN i seguenti indirizzi, ai sensi dell'art. 51, comma 1, del decreto legislativo n. 29 del 1993, per le trattative inerenti il comparto Scuola relativamente al personale da destinare all'estero, di cui all'art. 18 dell'Accordo del 24 febbraio 2000 sulla sequenza contrattuale prevista dall'art.44 del CCNL 26 maggio 1999.
L'art. 9 della legge n. 147 del 2000, recante "Proroga dell'efficacia di talune disposizioni connesse ad impegni internazionali e misure riguardanti l'organizzazione del Ministero degli affari esteri", ha introdotto per via legislativa rilevanti modifiche nella materia della selezione e destinazione del personale dello Stato alle istituzioni scolastiche ed universitarie all'estero e alle scuole europee.
Ai sensi dell'art. 1, comma 3, lett. b), del CCNL sottoscritto il 4 agosto 1995 e dell'art. 44 del CCNL 26 maggio 1999 del comparto Scuola, prima dell'entrata in vigore della suddetta legge questa materia è stata regolata rispettivamente dagli Accordi successivi dell'11 dicembre 1996 e del 24 febbraio 2000.
L'art.30 dell'Accordo sulla sequenza contrattuale del 24 febbraio 2000 (Adeguamento delle norme contrattuali) ha previsto un impegno delle parti ad incontrarsi, "qualora fossero emanate riforme relative alle materie del presente Accordo".
Considerato che, dopo la sottoscrizione dell'Accordo in questione, è entrata in vigore la citata legge 26 maggio 2000, n. 147, sussistono i presupposti previsti dall'art. 30 per l'adeguamento contrattuale, alla riforma introdotta per via legislativa.
L'oggetto della trattativa sarà costituito dalla revisione della disciplina contrattuale precedente all'entrata in vigore dell'art. 9 della legge n. 147 del 2000 nel rispetto dei principi fondamentali contenuti nella medesima norma, quali, in particolare, i criteri della selettività, dell'alternanza e del congruo periodo di servizio metropolitano tra un incarico e l'altro.
Nell'attuare l'adeguamento, pertanto, dovrà essere assicurata l'alternanza tra personale in servizio nelle scuole metropolitane e personale in servizio all'estero, evitando che il conferimento dell'incarico possa configurarsi come assegnazione a tempo indeterminato. Lo svolgimento del servizio nelle scuole metropolitane per un congruo numero di anni scolastici dopo la cessazione dell'incarico all'estero consentirà l'accrescimento professionale, del personale interessato, attraverso la diversificazione delle esperienze, anche in considerazione dell'importante processo di riforma che sta interessando la scuola italiana in questi anni.
In particolare, la trattativa potrà riguardare i seguenti aspetti:

  • i requisiti di ammissione alla selezione;

  • il regime di prove da sottoporre ai candidati ai fini dell'inserimento in graduatoria;

  • le modalità di aggiornamento della graduatoria stessa.

Il Ministro: Bassanini