Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Calendario scolastico - il parere del CNPI

Calendario scolastico - il parere del CNPI

CNPI: Parere sul calendario scolastico

23/06/2005
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione ha espresso, nella riunione tenuta ieri, 22 giugno, il proprio parere sullo schema di Ordinanza Ministeriale relativa al calendario per l’anno scolastico 2005/06.

Roma, 23 giugno 2005

Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca

Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici - Ufficio IX

Segreteria del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione Prot. n. 5920

All’On.le Ministro

Oggetto: Parere su “Schema di Ordinanza Ministeriale concernente il calendario per l’anno scolastico 2005/06”
Adunanza del 22 giugno 2005

IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

vista la nota prot. n. 3520 del 19 aprile 2005 (D.G. per gli Ordinamenti Scolastici, Uff. VII) con la quale il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha chiesto il parere del C.N.P.I. in merito all’argomento in oggetto;
visti gli artt. 24 e 25 del D.L.vo n. 297 del 16.4.1994;
vista la relazione della Commissione consiliare, appositamente costituita per l’esame istruttorio, ed incaricata di riferire al Consiglio in ordine all’argome all’argomento in oggetto specificato;
dopo ampio ed approfondito dibattito;

E S P R I M E

il proprio parere nei seguenti termini:
il C.N.P.I., ritenuto che l’art. 138 del D.L.vo 31/03/98, n. 112, delega alle Regioni una serie di funzioni amministrative, tra le quali la determinazione del calendario scolastico nel rispetto del “Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche”,

PRENDE ATTO

che quanto già richiesto in passato è stato inserito anche quest’anno sulla bozza dell’Ordinanza Ministeriale e cioè:
“l’eventuale adattamento al calendario scolastico da parte delle istituzioni scolastiche è regolamentato dal 3° comma del succitato art. 74 del D.L.vo n.297/94 che dispone lo svolgimento di almeno 200 giorni di lezione o, in caso di organizzazione flessibile dell’orario complessivo del curricolo o di quello destinato alle singole discipline ed attività, dal disposto dell’art. 5, comma 3, del D.P.R. n.275 del 1999, relativo all’articolazione delle lezioni in non meno di cinque giorni settimanali ed al rispetto del monte ore annuale, pluriennale o di ciclo previsto per le singole discipline ed attività obbligatorie, nonché, nell’una e nell’altra ipotesi, dalle disposizioni contenute nel CCNL del comparto Scuola”;

RICHIAMA PERO’

ancora una volta l’attenzione dell’On.le Ministro, anche alla luce del Decreto Legislativo n. 59 del 19.02.04, della C.M. n. 29/2004 e di alcuni calendari regionali già deliberati e rispondenti a tale esigenza, nel proporre esplicitamente nella suddetta O.M. l’opportunità per le Istituzioni Scolastiche di adattare il calendario per la Scuola dell’infanzia, nell’ambito delle attività individuate nel piano annuale dell’offerta formativa, prevedendo il termine delle attività educative contestualmente agli altri ordini di scuola.

Con queste modifiche il C.N.P.I., esprime PARERE FAVOREVOLE

Roma, 22 giugno 2005

Il Segretario: Maria Rosario Cocca Il Vice Presidente: Mario Guglietti