Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Chi specula sulle certificazioni linguistiche in base ad un decreto fantasma?

Chi specula sulle certificazioni linguistiche in base ad un decreto fantasma?

Un decreto che non esiste, ma che compare in rete. Una campagna promozionale per certificazioni che possono essere rilasciate solo da enti riconosciuti dai paesi madrelingua.

09/02/2012
Decrease text sizeIncrease  text size

Ultimamente si rincorrono in rete annunci di corsi per le certificazioni linguistiche, che, come è noto, possono essere rilasciato solo da. da enti riconosciuti dai paesi madrelingua. Ma qualcuno si spinge anche oltre e afferma di poterle rilasciare direttamente.

Su questa vicenda che riguarda sia il personale a tempo determinato che indeterminato, il Ministero si era impegnato a fare chiarezza con un decreto che avrebbe dovuto stabilire i criteri e gli enti certificatori.

Ad oggi però tale decreto non è mai stato pubblicato. O meglio è stato pubblicato ma non dal MIUR. Infatti copia del decreto fantasma campeggia nella homepage di una università telematica con tanto di firma del Ministro e di data (8 novembre 2011).

A questo punto esistono solo due alternative: questo decreto non esiste o almeno non è ancora efficace, oppure esiste solo per qualcuno che lo utilizza a proprio uso e consumo traendo in inganno chi aspira a diventare insegnante o chi già di ruolo intende ottenere l’idoneità all’insegnamento della lingua inglese.

La situazione è gravissima e pertanto abbiamo immediatamente chiesto al Ministero di intervenire per porre termine a questa sciagurata speculazione e per fare finalmente chiarezza sulle certificazioni linguistiche come da noi sollecitato più volte e riconfermato anche dal CNPI nel parere sui percorsi formativi per il CLIL.