Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Contratto scuola, secondo biennio economico 2008/2009: la parola ai lavoratori

Contratto scuola, secondo biennio economico 2008/2009: la parola ai lavoratori

La FLC Cgil dà il via al referendum. L'ascolto è una buona pratica per tutti, il sindacato non fa eccezione. Coinvolgere tutti i lavoratori e non solo gli iscritti. Assemblee informative e voto segreto e in tutte le scuole. Attivo anche un sondaggio on line sul nostro sito.

22/01/2009
Decrease text sizeIncrease  text size

>> Approfondimenti e materiali per il voto <<

>> Vota on line l'ipotesi di accordo <<

È in corso da alcuni giorni una campagna referendaria con la quale chiamiamo tutte le lavoratrici e i lavoratori della scuola, a tempo indeterminato e determinato, a esprimersi sull'intesa relativa al secondo biennio contrattuale 2008/2009.

L'ipotesi di accordo del 17 dicembre scorso è stata firmata solo da Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams. La FLC Cgil, responsabilmente e in coerenza con le proprie proposte e i contenuti della piattaforma contrattuale, non l'ha sottoscritta.

Una decisione non facile, certo, ma i contenuti dell'intesa ed il metodo che ha condotto a quel testo non ci hanno lasciato margini di incertezza. Era, e resta, inaccettabile per la FLC condividere una intesa che mortifica i lavoratori della scuola con aumenti irrisori (al di sotto dell'inflazione reale), non dà risposte alle giuste aspettative di valorizzazione professionale, rischia di togliere ai lavoratori forza contrattuale. Non si esce dalla crisi economica penalizzando gli stipendi o tagliando gli investimenti in istruzione, dalla Francia di Sarkozy all'America di Obama, senza distinzioni fra destra e sinistra, si va in una direzione inversa.

Per i lavoratori della scuola la posta in gioco è decisamente alta e per questo abbiamo chiesto anche a CISL Scuola, UIL Scuola, Snals e Gilda di unirsi a noi, di far esprimere i lavoratori in maniera libera e trasparente sui contenuti dell'intesa. La grande manifestazione della scuola del 30 di ottobre ha rappresentato il momento più alto dell'unità sindacale, la FLC Cgil non si è mai tirata indietro.

L'ascolto è una buona pratica per tutti e il sindacato non fa eccezione. Per la FLC, la consultazione dei propri iscritti è una pratica abituale, infatti il ricorso al referendum è previsto nel nostro Statuto (art. 6), questa volta, però, ci rivolgiamo non solo a questi ma a tutti i lavoratori. Sono state già indette centinaia di assemblee nelle scuole, dove verranno illustrati i contenuti dell'intesa, insieme alle proposte che la FLC ha presentato al tavolo della trattativa. Al termine tutti i lavoratori saranno invitati ad esprimersi nel merito dell'intesa mediante voto segreto.

L'iniziativa referendaria avviata il 13 gennaio 2009 andrà avanti fino al 16 febbraio. Si potrà votare non solo nelle scuole, ma anche nelle sedi sindacali e nei seggi mobili (Informazioni presso la nostra sede più vicina o tramite e-mail). Commissioni di garanzia con componenti esterni alla FLC vigileranno sulla serietà delle procedure.

In uno sforzo organizzativo così importante non potevamo mancare di coinvolgere anche il nostro sito. E' avviato uno specifico sondaggio tramite il quale i nostri lettori potranno esprimere la loro opinione. Nessuna pretesa di scientificità né di rilevanza statistica, ma la semplice volontà di rendere quanto più ampia la partecipazione.

Buon voto, dunque! E per quanti volessero conoscere o approfondire le ragioni delle nostre posizioni sul rinnovo del secondo biennio economico, non c'è che da fare click qui…

Roma, 22 gennaio 2009