Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » CPIA: audizione alla VII Commissione della Camera

CPIA: audizione alla VII Commissione della Camera

FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola presentano un testo unitario sullo Schema di Regolamento relativo all'istituzione dei Centri Provinciali per l'Istruzione degli Adulti.

11/05/2010
Decrease text sizeIncrease  text size

Si è svolta oggi, presso la VII Commissione della Camera, l'audizione delle Organizzazioni Sindacali sullo Schema di Regolamento relativo all'istituzione dei CPIA.

FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola hanno depositato il testo unitario in allegato.

Nel suo intervento, la FLC CGIL ha innanzitutto ribadito la necessità, non più rinviabile, della definizione anche nel nostro Paese di un sistema nazionale di apprendimento permanente che risponda alle esigenze formative degli adulti che ad oggi non trovano nessuna risposta in questa nuova definizione di istruzione per gli adulti né in altri sistemi d’apprendimento. Successivamente la FLC ha sottolineato che:

  • questo provvedimento interviene in modo massiccio su un settore già fortemente condizionato dalla politica dei tagli previsti da questo governo. Infatti per garantire le riduzioni di spesa richieste dal MEF e definite nella legge 133/08, si limita e si irrigidisce l’offerta formativa impoverendo un settore già debole.

  • Non si assicura una maggiore qualità del servizio per innalzare i livelli d’apprendimento della popolazione adulta.

  • Non si favorisce l’inclusione sociale soprattutto per gli adulti immigrati che avranno la possibilità di frequentare i corsi di italiano solo all'interno di un percorso finalizzato all'acquisizione di un titolo di studio al quale in molti casi non sono affatto interessati.

  • Non c’è nessun riferimento in merito alle risorse necessarie per finanziare un piano straordinario di formazione di tutto il personale interessato.

Inoltre, la FLC CGIL fa presente che la definizione degli OO.CC. dei CPIA e più in generale l'autonomia dei Centri vanno interpretate alla luce di un federalismo scolastico solidale e funzionale ad allargare la partecipazione sociale.

Roma, 11 maggio 2010