Home » Scuola » Dirigenti scolastici » Bando di selezione per l’avvio di un progetto di semplificazione amministrativa delle scuole. Ci attendevamo un diverso modello operativo

Bando di selezione per l’avvio di un progetto di semplificazione amministrativa delle scuole. Ci attendevamo un diverso modello operativo

La scuola o la rete individuata dovrebbe supportare il MIUR nella semplificazione degli strumenti legati alla gestione amministrativa e contabile delle scuole.

20/09/2017
Decrease text sizeIncrease  text size

Con decreto del Direttore Generale del 15 settembre 2017 la Direzione Generale delle Risorse Umane del MIUR ha emanato un bando volto ad individuare una scuola o una rete di scuole che supporti la stessa Direzione Generale nello svolgimento di attività volte a semplificare e uniformare modalità e strumenti di carattere amministrativo e contabile delle scuole.

Ciò anche in vista dell’imminente varo del nuovo regolamento di contabilità che, secondo il MIUR, dovrebbe andare in vigore dal prossimo esercizio finanziario.

In particolare il progetto riguarderà processi operativi di programmazione, registrazione contabile e consuntivazione, disegno di modello di bilancio, disegno di un cruscotto per il monitoraggio e la verifica dell’andamento complessivo della gestione contabile, l’individuazione dei requisiti per l’adeguamento degli attuali applicativi gestionali.

Le candidature delle scuole dovranno essere trasmesse entro le ore 12 del 29 settembre 2017 esclusivamente mediante posta elettronica certificata.

Le risorse finanziarie programmate ammontano a 500.000 euro.

In verità, nel corso degli incontri al tavolo Tecnico di semplificazione organizzativa e amministrativa svoltisi nel mese di giugno- luglio 2017, si era parlato della costituzione di un gruppo di lavoro che accompagnasse l’introduzione del nuovo regolamento, avendo riguardo al fatto che l’avviso pubblico tramite cui si sarebbe costituito non si dovesse rivolgere alle scuole in quanto tali ma ai singoli soggetti professionali che concorrono a farne parte: i criteri di selezione avrebbero dovuto privilegiare la provenienza territoriale.

Vediamo che si è operato diversamente.

Ci auguriamo che tale modalità possa produrre risultati apprezzabili, essendo preferibile invece quanto era stato annunciato in precedenza, tramite il coinvolgimento dei singoli soggetti (DS e DSGA AA) che avrebbero potuto lavorare in rete con diverse provenienze territoriali e con il coinvolgimento di un numero maggiore di scuole.

Sarebbe stato peraltro segnale di buone e corrette relazioni sindacali accennarne nell’incontro del 14 settembre quando si è svolta l’ultima interlocuzione di sintesi al tavolo tecnico di semplificazione.