Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Scuola » Dirigenti scolastici » Responsabilità dei dirigenti scolastici in materia di sicurezza: finalmente in discussione i disegni di legge di modifica del DLgs 81/08

Responsabilità dei dirigenti scolastici in materia di sicurezza: finalmente in discussione i disegni di legge di modifica del DLgs 81/08

La tempestiva richiesta di intervento all’Ente Locale competente solleverà i dirigenti scolastici da ogni responsabilità amministrativa, civile e penale.

06/07/2017
Decrease text sizeIncrease  text size

Il lungo lavoro per la modifica dell'art. 18 a cui la FLC CGIL ha dedicato un seminario nazionale a Firenze il 16 maggio 2016, la ripresa del tema un anno dopo nella mobilitazione dei sindacati confederali del 25 maggio 2017, la petizione dei dirigenti scolastici, le forti pressioni sui parlamentari e l'interlocuzione aperta con il MIUR hanno ottenuto un primo importante risultato per i dirigenti scolastici: la tanto attesa calendarizzazione di entrambe le proposte di legge (3963 e 3830) finalizzate ad esentare i dirigenti scolastici da qualsiasi responsabilità civile, amministrativa e penale qualora abbiano assolto all'obbligo di richiesta di intervento all'ente locale competente.

Sul tema della sicurezza, come già comunicato nel resoconto del tavolo tecnico del 4 luglio, abbiamo chiesto al MIUR di avviare- il prima possibile e in tutte regioni – la valutazione dello stress lavoro correlato,  come già  fatto con le diffide che - insieme a CSIL Scuola, UIL Scuola RUA e SNALS CONFSAL – abbiamo presentato il 25 maggio a tutti i  Direttori Regionali.

Continueremo a seguire con impegno e attenzione la problematica delle responsabilità dei dirigenti scolastici in materia di sicurezza, a cominciare dalle audizioni previste  dall’iter di discussione e approvazione delle modifiche al D.Lgs 81/2008 e dalla realizzazione di idonee iniziative riguardanti  la definizione degli strumenti operativi della  valutazione dello stress lavoro correlato su cui abbiamo dato  la nostra disponibilità a collaborare.