Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Disfunzioni tecniche del MIUR: le nostre pressioni per sbloccare la situazione

Disfunzioni tecniche del MIUR: le nostre pressioni per sbloccare la situazione

Blocco del SIDI, riassegnazione delle economie 2013, fondi per le supplenze e per le aree a rischio, modello Athena, tavolo tecnico sulla semplificazione. Il quadro della situazione dopo l’intervento della FLC CGIL

12/06/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

In questi giorni si stanno cumulando disfunzioni su disfunzioni che mettono  a dura prova non solo la pazienza delle segreterie scolastiche ma anche la tenuta dell’intero sistema che lavora per scadenze sempre più fitte e ravvicinate, ma con meno risorse  a disposizione.

Abbiamo già avuto modo di dare notizia dei nostri interventi, preso il MIUR per sollecitare il superamento di tutte le criticità che ci sono state segnalate dalle scuole.

Diamo di seguito un quadro della situazione.

Blocco del SIDI. Siamo intervenuti presso gli uffici competenti del MIUR che ci hanno assicurato che alle ore 12 del 13 giugno ne sarà ripristinata l’operatività. Vedi nota Miur 1555 del 12.06.2014.

Riassegnazione delle economie dell’anno finanziario 2013. Su nostra sollecitazione il MIUR si è impegnato a mettere a disposizione delle scuole, entro i prossimi giorni, le somme spettanti.

Fondi per le supplenze. Abbiamo appreso che  verranno messi a disposizione delle istituzioni scolastiche nel complesso 81 milioni di euro per coprire le supplenze fino al 31 maggio.

Fondi delle aree a rischio al lordo dipendente. Gli uffici ministeriali chiariranno agli Uffici scolastici regionali che  le somme assegnate sono al lordo dipendente e non lordo stato, dal momento che alcuni URS hanno invialo alle scuole il file degli importi senza specificare che trattasi importi Lordo Stato e non Lordo dipendente.

Modello Athena e aree a rischio. Ci è stato assicurato dagli uffici competenti del MIUR che notificheranno alla stessa Athena, giacchè è di sua competenza, l’adeguamento del modello per evitare che le scuole siano costrette, come sta già succedendo, a fare calcoli superflui (oneri a carico dello stato).

Riconvocazione del tavolo tecnico sulle semplificazioni. Alcune delle problematiche sopra riportate erano già state chiarite negli incontri di tavolo tecnico sulle semplificazioni. Evidentemente la mancata riconvocazione, causata dalla riorganizzazione degli incarichi ministeriali (cambio di governo), non ha consentito al tavolo tecnico di controllarne  l’attuazione. Abbiamo avuto assicurazione dal Dipartimento competente di una prossima convocazione che riprenda tutte le tematiche rimaste da chiudere in senso operativo.