Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Docenti » Mobilità scuola 2016/2017: docenti ed educatori, prepariamoci alle prossime fasi

Mobilità scuola 2016/2017: docenti ed educatori, prepariamoci alle prossime fasi

Dal 9 maggio sarà possibile presentare le domande di trasferimento/passaggio interprovinciali e quelle provinciali per gli assunti da concorso nelle fasi b) e c).

03/05/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

Le procedure della mobilità per il 2016/2017 sono suddivise in varie fasi (secondo il calendario definito dall’Ordinanza ministeriale) e sono diverse sia le tipologie di personale coinvolto che le tipologie di domande.

Il 23 aprile è terminata la prima fase di presentazione delle domande che ha interessato i docenti assunti entro il 2014/2015, i docenti assunti nel 2015/2016 nelle fasi 0) e A) e il personale educativo.

Dal 26 aprile e fino al 16 maggio potranno presentare la domanda il personale ATA (online) e i docenti di religione (con modello cartaceo).

A partire dal 9 maggio 2016 si darà il via alle domande per le fasi successive che riguardano il personale docente ed educativo.

In due minuti le principali indicazioni in video

Docenti assunti: entro il 2014/2015; in fase 0 - A; in fase B e C da concorso o da GAE.
Personale educativo.

Chi è interessato e quali domande presentare dal 9 maggio

Sarà possibile per tutti i docenti, indipendentemente dalla data e dalla fase di assunzione, presentare le domande di trasferimento interprovinciale.

I docenti assunti da concorso nelle fasi b) e c) del piano straordinario dovranno anche presentare la domanda per ottenere l’assegnazione ad un ambito nella provincia assegnata.

Per i docenti assunti entro il 2014/2015 si potrà anche fare domanda di mobilità professionale interprovinciale (passaggi di ruolo e di cattedra).

Per il personale educativo sarà possibile presentare domanda di mobilità professionale interprovinciale (passaggio al ruolo docente).

Ricordiamo che per accedere alla mobilità professionale occorre aver superato l’anno di prova ed essere in possesso dell’abilitazione (inclusi i diplomi magistrali) per il nuovo insegnamento verso cui si chiede il passaggio, salvo che per le classi di concorso degli ITP per le quali è sufficiente il solo titolo di studio di accesso a quell’insegnamento.

Quando presentare domanda

Le domande delle fasi B, C e D del personale docente (e degli educatori che chiedono di passare al ruolo docente) si presentano via web dal 9 maggio al 30 maggio, utilizzando la piattaforma istanze online (leggi la nostra scheda).

Cosa si può fare prima della presentazione della domanda

Alla domanda di mobilità è necessario allegare (online) diverse dichiarazioni e autocertificazioni relative ai requisiti e agli stati indicati nella domanda stessa. Le principali sono:

  • servizi
  • continuità
  • personale (autocertificazione di quanto dichiarato nella domanda)
  • diritto al punteggio aggiuntivo
  • diritto alla precedenza legge 104/92.

Questi modelli possono essere compilati in anticipo, e successivamente caricati nella domanda (gestione allegati).
Sul nostro sito sono disponibili i modelli di dichiarazioni, conformi a quelli allegati all’ordinanza, e i facsimili delle autocertificazioni.
Quando il Miur avrà messo a disposizione, oltre ai bollettini ufficiali, anche l’elenco degli ambiti sul sito dedicato, sarà possibile definire in anticipo la sequenza delle preferenze di ambito/provincia da indicarsi nella sezione specifica della domanda. Appena avremo maggiori dettagli sulle modalità di inserimento delle preferenze pubblicheremo una scheda illustrativa.

Per saperne di più

Nello speciale tutta la normativa, la modulistica e gli approfondimenti sulla mobilità.
È anche disponibile una guida analitica alla presentazione delle domande.
Per una consulenza mirata nella compilazione delle domande è possibile rivolgersi alle nostre sedi.