Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Elezioni INPS collaboratori: si vota dal 15 al 19 novembre. Epifani: un voto per i diritti.

Elezioni INPS collaboratori: si vota dal 15 al 19 novembre. Epifani: un voto per i diritti.

Appello di Epifani per le elezioni INPS del 15-19 novembre 2004

11/11/2004
Decrease text sizeIncrease  text size

Nei prossimi giorni, dal 15 al 19 novembre, si terranno le elezioni per il rinnovo del comitato amministratore del Fondo Gestione Separata dell'Inps, in cui sono versati i contributi dei collaboratori, degli assegnisti di ricerca, dei dottorandi e in generale di tutti i lavoratori non dipendenti. In questi anni il numero delle persone iscritte alla gestione separata è notevolmente aumentato. Il comitato, oltre ad esprimersi sulla gestione del fondo, propone nuove prestazioni, nuovi investimenti e dirime controversie.

NIdiL CGIL ha presentato una propria lista di candidati, espressione di diversi percorsi di mobilitazione e di iniziative sindacali tutti indirizzati alla costruzione di una identità collettiva delle lavoratrici ed i lavoratori parasubordinati. Queste elezioni rappresentano, infatti, un importante momento democratico per tutti i collaboratori e solo chi vive questa realtà lavorativa può rappresentarli e svolgere una importante azione di controllo e di indirizzo. Inoltre, la presenza dei collaboratori nel comitato di gestione può rafforzare la battaglia per la conquista di nuovi diritti e nuove tutele per i parasubordinati: pensioni adeguate, copertura economica della malattia, tutela maternità, assegni al nucleo familiare equiparati a quelli per i dipendenti, forme di sostegno al reddito nei periodi di disoccupazione, risorse per la formazione dei lavoratori parasubordinati, ricongiungimento dei contributi. L’esito di queste elezioni avrà inoltre significativi riflessi sulla possibilità, per i collaboratori, di organizzarsi, difendersi collettivamente dalla precarizzazione selvaggia del lavoro ed affermare i fondamentali diritti di cittadinanza.

Un voto a sostegno della lista NIdiL CGIL significa quindi contribuire alla conquista di nuovi diritti e di nuove tutele per quasi tre milioni di collaboratori e riaffermare il valore del lavoro.

Pubblichiamo di seguito l’appello di Guglielmo Epifani

Roma, 11 novembre 2004

UN VOTO PER I DIRITTI [Guglielmo Epifani]

Cara collaboratrice, caro collaboratore,

forse sai che dal 15 al 19 novembre si vota per leggere i rappresentanti dei lavoratori parasubordinati nel comitato amministratore del Fondo Inps gestione separata.

Finalmente puoi far valere le tue ragioni.

Come ben sai, infatti, i collaboratori coordinati e continuativi, a progetto, prestatori d’opera, così come i collaboratori pensionati, sono di fatto lavoratori privi di diritti e tutele sociali

Spesso oggetto di un astratto dibattito politico, raramente i collaboratori possono affermare i propri bisogni e le proprie aspettative.

Eppure, la condizione di collaboratore è difficile nel presente e, senza profondi mutamenti, rischia di esserlo anche in futuro.

Essere un collaboratore spesso vuol dire non poter far valere i più elementari diritti come: essere pagato equamente per il lavoro fatto, lavorare con reale autonomia e senza subire abusi, non essere licenziati ingiustamente, ammalarsi o avere un figlio senza perdere il redito o rischiare il posto di lavoro, avere un’indennità in caso di disoccupazione, avere accesso ai fondi pubblici per la formazione professionale, ricongiungere tutti i contributi previdenziali versati per maturare una giusta pensione.

Certo, senza diritti sindacali e senza rappresentanza, a qualsiasi lavoratore è negata voce e visibilità. E per questo motivo che le elezioni Inps hanno un grande significato. Sono l’unica possibilità di far pesare le proprie ragioni e costruire con il voto la propria rappresentanza.

Coerentemente con ciò, le due liste della Cgil “Nessun lavoro senza tutele e diritti”, sono composte da collaboratori e non da dirigenti sindacali.

Ci stiamo battendo con forza contro la riforma del mercato del lavoro e contro la riforma previdenziale volute da questo governo. Riforme che peggiorano le condizioni di vita e di lavoro delle persone, in particolare dei collaboratori coordinati e continuativi, a progetto e prestatori d’opera.

È per noi centrale la conquista di una legislazione che non escluda nessun lavoratore “economicamente dipendente” dal sistema dei diritti e delle tutele.

I nostri obiettivi sono combattere la precarietà, contrastare gli abusi ed estendere diritti e tutele a tutte le lavoratrici e lavoratori.Intanto, con la contrattazione collettiva abbiamo già trasformato decine di migliaia di collaborazioni in lavoro dipendente e abbiamo dato protezione e tutele ad oltre 100.000 collaboratori e professionisti.

Siamo così riusciti ad affermare: il diritto ad ammalarsi o alla maternità senza perdere lavoro o reddito; la continuità di lavoro tra un contratto e l’altro; un compenso non inferiore a quello dei dipendenti; tutele contro i licenziamenti ingiustificati; diritti sindacali.

Le nostre proposte per la gestione del fondo estendono anche ai lavoratori parasubordinati le tutele sociali riconosciute nel lavoro dipendente.

È importante votare anche come segno di partecipazione.

Votate le liste NIdiL e Spi-Cgil “Nessun lavoro senza diritti e tutele”. Sceglietele perché il lavoro non è una merce e i diritti nel lavoro sono un bene prezioso sia per le persone, sia per la democrazia di un paese.

Insieme si può.

Guglielmo Epifani, segretario generale nazionale Cgil