Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Faq per sopravvivere

Faq per sopravvivere

Le risposte ai vostri quesiti.

13/09/2001
Decrease text sizeIncrease  text size

Come mai a questa data non si conoscono i contingenti divisi per provincia per le assunzioni del personale ATA?

Il MIUR determinail numero delle immissioni in ruolo divisi per provincia subito dopo i trasferimenti.
Purtroppo quest’anno i trasferimenti ATA sono stati pubblicati in ritardo a causa del taglio degli organici disposti in piena estate dal MIUR. Non è finita qui i trasferimenti ATA di Agrigento e Salerno sono ancora in fase di lavorazione“bloccando” così la determinazione dei posti liberi suddivisi per provincia.
E’ necessario perciò attendere la pubblicazione dei trasferimenti ATA anche di queste due provincie ritardatarie.

Sto frequentando il secondo anno di specializzazione per il sostegno, vorrei sapere se ho diritto alla precedenza nelle nomine di supplenza sui posti di sostegno. - Adriano

Il Ministro, con una circolare dell'ottobre del 2000,ha dato indicazioni ai provveditori di tener presente, nella nomina su posti di sostegno dopo esauriti gli specializzati, i docenti che avessero superato almeno gli esami del primo anno del corso. Si trattava di un'indicazione non vincolante.
Cordiali saluti
Sono un collaboratore scolastico assunto tramite l’ufficio di collocamento come supplente fino al 30.6.2001. Ho sentito parlare di una circolare ministeriale che prevede la nostra conferma.
Ho chiesto delucidazioni alla mia scuola ma mi ha risposto che assumerà i supplenti utilizzando la graduatoria dei 24 mesi .
E’ corretto da parte loro? Se si quale è la normativa di riferimento? - Giuseppe

La circolare del MIUR che ha dato le prime indicazioni per le assunzioni del personale ATA è la n.136 del 10.8.2001.
Nella nota si parla anche di conferma da parte dei dirigenti scolastici dei supplenti nominati fino al 30.6.o 31.8 del 2001 in attesa che arrivino gli aventi diritto.
La scuola ha in parte ragione quando dice che assumerà i supplenti dalla graduatoria dei 24 mesi in quanto gli aspiranti che vi sono inseriti costituiscono la prima fascia di supplenti. Ma al momento ciò non è possibile perché il sistema informatico del MIUR non ha trasmesso alle scuole le graduatorie di istituto dei supplenti di prima fascia. Fascia, composte da coloro che nel fare domanda di inserimento nella graduatoria provinciale dei 24 mesi hanno indicato tra le preferenze (max 30 ) anche la tua scuolaper eventuali supplenze temporanee da parte dei capi di istituto.
Perciò, nel tuo caso, il Dirigente Scolastico se ha posti liberi deve procedere prima alla conferma dei supplenti e se queste non risultassero sufficienti a coprire i posti vuotiutilizzare le vecchie graduatorie d’istituto fino a quando non disporrà delle nuove.

Sono un'insegnante di lettere inclusa nelle graduatorie permanenti in due province. Nel mese di maggio 2001 ho ottenuto l'immissione in ruolo, con decorrenza giuridica dal 1 settembre 2000, a Roma mentrenel mese di agosto il Provveditore agli studi di Lecce (seconda provincia), provincia dove ho famiglia, pur essendo in turno di nomina non mi ha convocato dicendomi che non avevo diritto, perché già di ruolo a Roma. Vorrei sapere se posso fare qualcosa per rivendicare la possibilità di optare. - Loredana

Su questa problematica la normativa non è chiara e il ministero, nonostante i nostri solleciti, ancora non ha dato indicazioni univoche ai Provveditori agli studi. Ci sono, pertanto, uffici provinciali dell'amministrazione che applicano la normativa (legge 124/99)in termini rigidi e, quindi, depennano dalle graduatorie permanenti tutti coloro che sono già di ruolo per lo stesso insegnamento, altri invece (vedi le province del Friuli) permettono l'opzione. A tale proposito, dopo vari solleciti, ci sarà un incontro Ministero- OO.SS.

Come mai non si parla più della fine che faranno i precari e i disoccupati senza i trenta giorni di servizio ?
Abbiamo qualche speranza di lavorare nella scuola come personale ATA? - Stefania, Monica, ecc

Sollecitiamo costantemente l’ufficio concorsi del MIUR su questo argomento. Recentemente ci ha assicurato, appena terminata la fase “incandescente” dell’avvio dell’anno scolastico, la pubblicazione del DM per la costituzione della 3^ fasciadei supplenti ATA.
Per parte nostra ti assicuriamo che nel prossimo incontro con il Ministro ribadiremo l’assoluta necessità che questo provvedimento venga emanato quanto prima.

Sono una precaria inclusa nella graduatoria dell'ultimo concorso ad esami e titoli e nella permanente (in buona posizione). Per quest'anno non riuscirò ad ottenere l'immissione in ruolo, ma spero di lavorare come supplente. Vorrei sapere se tutti i posti dei vicari del preside saranno disponibili per le supplenze annuali. - Marta
Tutti gli esoneri e di semiesoneri sono posti disponibili ma non vacanti. Pertanto, le supplenze su questi posti non sono annuali ma fino al termine delle attività didattiche.
Visti i tempi brevi che il Ministro ha dato ai Dirigenti scolastici per le operazioni di nomina dei supplenti, c'è il rischio che la disponibilità del posto da parte della scuola venga comunicata in ritardo rispetto alle prime nomine. In tale è consigliabile rivolgersi alla CGIL scuola provinciale per proporre ricorso.

Come al solito la sostituzione dei direttori dei servizi generali e amministrativi è lasciata alla fantasia di DS e Provveditori. Anche la CM 136 del 7 agosto che parla di assunzioni a tempo determinato del personale ATA non fa alcun riferimento al profilo del DSGA . Cosa ne pensa la CGIL Scuola?

Riteniamo si tratti di una grave dimenticanza del MIUR che continua a sottovalutare l’importanza del lavoro di questi colleghi in fase delicata come l’anno scolastico. Una amministrazione che dice di aver a cuore il funzionamento della scuola non rimuove i problemi ma cerca le soluzioni.Sarebbe stato sufficiente citare ad esempio l’art. 51 del CCNI o l’utilizzo delle graduatorie permanenti degli ex responsabili amministrativi unici riferimenti normativi per la sostituzione dei colleghi assenti.

Il 30 agosto sono stato nominato in ruolo per l'insegnamento di fisicanella scuola media superiore, vorrei sapere se posso usufruire dell'aspettativa per motivi di studio, perché ho iniziato una ricerca che terminerà nel mese di novembre. - Gianni

Dopo l'assunzione in servizio può usufruire dell'aspettativa per motivi di studio e di ricerca prevista dall' art. 24 del contratto collettivo nazionale di lavoro.

10 settembre
Vorrei sapere se sui posti lasciati vacanti per rinuncia, anche dopo il 31 agosto 2001, continueranno a nominare in ruolo, perché in tal caso ho speranze di essere immessa in ruolo per l’anno scolastico 2001/02. Sono una supplente di scuola materna, inclusa nella graduatoria permanente e nella graduatoria del concorso ordinario. - Alessandra
Si. Anche se la nomina è solo giuridica, grazie al decreto Moratti sull’inizio dell’anno scolastico. Nel caso di immissione in ruolo con solo decorrenza giuridica ti consiglio di rivolgerti alla CGIL scuola provinciale per proporre ricorso.
Vorrei sapere perché nella mia provincia per la classe di concorso A050 (Italiano e Storia), per l’anno scolastico 2000/01, su tre posti disponibili sono state conferite due nomine al concorso ad esami e titoli e una posto alla graduatoria permanente. - Donatella
La legge 124/99 prevede che i posti destinati all’immissione in ruolo siano divisi: il 50% al concorso ad esami e titoli e il 50% alla graduatoria permanente. Nel caso di posti disponibili dispari, per il principio dell’alternanza il posto nell’anno scolastico 2000/01 è stato assegnato al concorso, mentre gli anni successivi, fino al riequilibrio delle nomine, sarà assegnato alla graduatoria permanente (vedi decreto ministeriale immissioni in ruolo 2000/01)

Sono un Dirigente Scolasticodi scuola media, vorrei sapere se sono ancora in tempo per istituire una nuova prima classe all'interno del mio istituto, dal momento che con alcune iscrizioni tardive (trasferimento familiari da altra provincia) il numero complessivo degli alunni mi permetterebbe di fare una classe in più. - Renzo
Si, perché, sia il decreto sugli organici, sia il decreto legge 255/2001 prevedono la competenza dei Dirigenti Scolastici a sdoppiare le classi in presenza del numero previsto di alunni. Aggiungo che una recente circolare del MIUR (nota prot. I/409 del 31 agosto 2001) chiarisce che i Dirigenti Scolastici hanno anche la competenza ad attivare posti di sostegno in deroga.

Sono un insegnante precario invalido in attesa di nomina in ruolo, vorrei sapere perché il Provveditore agli Studi Bologna su 10 posti disponibili di matematica ha assegnato un solo posto agli invalidi. - Marcello

La legge n. 68/99 sulle assunzioni obbligatorie per i disabili prevede che per ogni insegnamento e/o classe di concorso, ecc… ci sia il 7%di persone invalidi in servizio. Pertanto, per poter fare il calcolo dei posti da destinare agli invalidi è necessario conoscere il numero complessivo provinciale degli insegnanti di matematica e quanti insegnanti invalidi, sempre sulla stessa disciplina e di questi quanti appartengono alla categoria degli invalidi.

Esempio:

Numero complessivo insegnanti di matematica: 120
Numero invalidi in servizio 7
Il calcolo: 120 – 7 = 113 x 7% = 7,91

In questo caso agli invalidi spetta un solo posto

Sono una precaria inserita nelle graduatorie d'istituto di 30 scuole in II fascia (non sono inclusa nelle graduatorie permanenti), vorrei sapere quando saranno pubblicate le graduatorie provvisorie, dato che non ho trovato nessun riferimento temporale.
Come si comporteranno i presidi nel caso di conferimento di supplenze brevi in assenza delle graduatorie. - Nella

Il MPI non ha indicato alcuna data di pubblicazione delle graduatorie, perché i tempi sono diversi a seconda della complessità della provincia. Ti consiglio di rivolgerti alla CGIL scuola provinciale.
I Dirigenti Scolastici, quando avranno esigenze di coprire supplenze brevi useranno la prima fascia della graduatoria d'istituto, che già dovrebbero avere perchè trascritta dalla permanente senza modifica di punteggio.
Attraverso una lettera unitariaCGIL, CISl, UIL scuola abbiamo chiesto al Mpi un incontro per chiarire una serie di problemi (dovuti principalmente al decreto Moratti), tra i quali quello segnalato.

La segreteria di una delle scuole dove ho fatto domanda mi ha preannunciato che molto probabilmente, nei primi giorni di scuola mi proporrà una supplenza di 5 mesi per sostituirela docente titolare, assente per maternità. Essendo anch’io in maternità ed avendo superato l’ottavo mese di gravidanza, vorrei sapere se sono tenuta a prendere servizio per almeno un giorno in caso di nomina e mi spetta l'indennità di maternità. - Donatella

Non puoi assumere servizio, perché dopo l’ottavo mese c’è interdizione(congedo obbligatorio per maternità).
In caso di proposta di contratto a tempo determinato da parte della scuola bisogna accettare la supplenza e comunicare che non può assumere servizio perché è all’ottavo mese di gravidanza, allegando il certificato del medico.
I tal caso ha diritto alla validità del servizio per tutto il periodo, ma senza retribuzione, a meno che non sia trascorso un periodo inferiore a 60 giorni dall’ultimo servizio prestato nella scuola.

S ono una precaria della scuola elementare che nel luglio scorso ha presentato domanda di supplenza in30 scuole. Vorrei sapere come vengono calcolati i punteggi relativi al concorso ordinario, perché al provveditorato dicono su 110 e non più su100. Grazie - Maria
La valutazione del concorso ordinario per la scuola elementare, a partire dal concorso del 1994, può essere indifferentemente in 88 oppure in 110, scegliendo, ovviamente, quello più conveniente. Nel primo caso, su base 88, si sommano i punteggi delle sole prove sostanute, compresa la lingua straniera; nel secondo, su base 110, si riporta il punteggio dell'inclusione nella graduatoria di merito (somma delle prove + titoli, compresi quelli relativi alla lingua straniera).
Il Provveditore agli studi di Vibo Valentia mi ha conferito una supplenza annuale presso una scuola media; dopo pochi giorni mi ha riconvocato per modificare la sede per indisponibilità del posto. Mi hanno proposto una sede residuale, molto lontana dalla mia abitazione, perché non hanno voluto rimettere in discussione le altre nomine fatte agli aspiranti dopo di me in graduatoria. Cosa posso fare? - Mimma

Visto che l’errore è del provveditorato agli studi lei ha diritto di rivendicare uno dei posti disponibili al momento del conferimento della supplenza.
Consiglio di rivolgersialla cgil scuola provinciale per il ricorso.

Sono nella graduatoria regionale della Calabria per la classe di concorso A019. Per l’anno scolastico 2001/02 non sono stato nominato in ruolo. Vorrei sapere se ha qualche possibilità di essere assunto nei prossimi anni? e fino a quando è valida la graduatoria regionale. Distinti saluti. - Francesco
Il Governo precedente aveva previsto in tre anni complessivamente oltre 110.000 assunzioni,di cui 35.000 per i docenti per il 2000/2001. Il nuovo governo, confermando l’orientamento del Governo precedente, per l’anno 2001/02 per i docenti ha previsto circa 30.000.
E’ paradossale che il Ministro Moratti parli di 60.000 nomine, sapendo che si tratta di 30.000 e che fanno parte di quelle già programmate dal Governo precedente.
Pertanto, se non ci saranno provvedimenti di riduzione, il prossimo anno scolastico, sulla base della programmazione triennale, dovrebbero esserci almeno altri 35.000 assunzioni.
E’ difficile fare pronostici sulla classe di concorso A019, in quanto il calcolo della quantità di posti per classe di concorso è complesso e tiene conto dei pensionamenti, delle vacanze di organico, ecc..
La graduatoria del concorso ordinario (esami e titoli) ha validità fino a quando non sarà pubblicata la graduatoria degli idonei del prossimo analogo concorso per esami e titoli. Auguri

Ho ottenuto un contratto a tempo determinato su due classi di concorso A043 (12 ore) e A050 (6 ore), vorrei sapere se il punteggio di servizio vale per entrambe le classi o se prevarrà quella dove ho più ore. - Mirella

Il punteggio è valutato per entrambe le classi di concorso.

Vi chiedo quale operazione si nasconde dietro questo falso efficientismo della Moratti (vedi inizio anno scolastico) che attraverso la necessità di velocizzare le operazioni di gestione del personale crea nel personale della scuolaingiustizie e ansie. Grazie per la risposta. - Riccardo

L'obiettivo della Moratti è quello di fornire l'immagine di un ministro che compie miracoli. Attraverso i mezzi di comunicazione si presenta pacata e rassicurante. Nulla dice rispetto ai danni e ai diritti lesi al personale (precario e di ruolo) e nonostante le denunce da parte delle organizzazioni sindacali sulla poca trasparenza delle operazioni d’inizio anno scolastico il Ministro giustifica tutto pur di fare in fretta. Inoltre occorre dire che tutta l’operazione è volta ad una politica di immagine, di presunta efficienza che scarica sui diritti dei lavoratori l’inefficienza dell’amministrazione.

Dopo 8 anni di precariato, finalmente, quest’anno ho ottenuto l’immissione in ruolo per la classe di concorso A061 a Milano.Vorrei sapere come fare per trasferirmi in Sicilia dove ho il marito e tre figli. - Serena

A causa di una norma legislativa (legge 124/99) per tre anni non può chiedere il trasferimento definitivo in un’altra provincia. E’ però possibile per esigenze di famiglia, per l’anno scolastico prossimo l’assegnazione provvisoria. Si tratta di una mobilità annuale che bisogna chiedere verso giugno/luglio.
Per maggiori indicazioni e per essere aiutata nel fare la domanda(quando è il momento) le consiglio di rivolgersi al sindacato provinciale di Milano.

Siamo un gruppo di insegnanti di Strumento musicale di Roma, inclusi nella graduatoria permanente e in attesa della nomina in ruolo.
Abbiamo saputo che a causa del passaggio di cattedra da parte di quattro docenti di ruolo da Educazione Musicale a Strumento Musicale per quest’anno le immissioni in ruolo sono ridotti di quattro unità. In provveditorato agli studi, dove siamo andati per chiedere spiegazioni ci hanno detto che tutto è regolare. Vorremmo sapere se è vero che tutto è regolare e, in caso contrario, cosa bisogna fare per recuperare i quattro posti mancanti. - Donatella, Rosanna, Monica, Federica, ecc..

Non è vero quello che vi hanno detto al provveditorato agli studi di Roma. L’operazione dei passaggi di cattedra dei quattro docenti di ruolo di Educazione Musicale è errata. La legge 124/99 per la classe di concorso A077 (Strumento Musicale nella scuola media) prevede che a partire dall’anno scolastico 1999/2000 tutti i posti che annualmente si rendono vacanti sono da attribuire alla graduatoria permanente.
Consiglio di rivolgervi all’ufficio vertenze della cgil scuola di Roma per proporre ricorso.

Vorrei sapere se le anche nomine in ruolo dopo il 31 Agosto del 2001 del personale ATA sono solo giuridiche e che pertanto bisogna aspettare l’inizio del prossimo anno scolastico per assumere servizio. Ringrazio. - Federico

E’ questa l’interpretazione che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca da al decreto 255/01, anche se il decreto parla solo di personale docente. Il Ministro, dopo aver danneggiato i docenti con il decreto, adesso danneggia anche il personale ATA con un’assurda interpretazione estensiva. Questa scelta del Ministero è, tra l’altro, paradossale perché nessun Provveditore entro la data del 31 Agosto ha potuto fare immissioni in ruolo del personale Ata, sia perché il Ministero non aveva comunicatola quantità di posti disponibili, sia perché alla stessa data non erano terminate le preliminari operazioni del personale di ruolo (i trasferimenti ATA sono stati pubblicati con molto riardo, il 31 Agosto).

Sono entrata in ruolo, per l’insegnamento di matematica, dal 1 settembre 2001, vorrei sapere se posso usufruire dei diritti riservati al personale di ruolo da subito oppure devo prima fare il periodo di prova.

Il contratto collettivo nazionale di lavoro prevede che al personale della scuola con contratto a tempo indeterminato (di ruolo) spettano, dal primo anno di ruolo, i diritti ha diritti del personale di ruolo. Pertanto, dopo l’assunzione in servizio (presa di servizio) il personale è a tutti gli effetti di ruolo, salvo il superamento del periodo di prova e può usufruire dei diritti relativi alla malattia, alle ferie, ai permessi, ecc.. del personale di ruolo.