Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Scuola » Formazione iniziale. Specializzazione sostegno: attivate le procedure per il III ciclo 2016/2017

Formazione iniziale. Specializzazione sostegno: attivate le procedure per il III ciclo 2016/2017

Il Ministero dell’Istruzione impartisce le istruzioni per la ripartizione dei 5.108 posti autorizzati. Ammessi in soprannumero gli idonei dei cicli precedenti.

03/12/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Ministro dell’istruzione ha firmato giovedì 1 dicembre 2016 il Decreto Ministeriale 948/16, con il quale si forniscono le indicazioni per l'attivazione del III ciclo dei corsi di sostegno per il 2016/2017.

Il numero complessivo dei posti attivabili (5.108) è stato autorizzato dal Ministero dell’economia il 28 giugno 2016. Gli atenei, entro il 16 dicembre 2016 definiscono, in accordo con gli Uffici scolastici regionali, il piano dell’offerta formativa. Sulla base di tale piano e delle vacanze di posti nelle regioni e nei vari ordini di scuola, il MIUR con un successivo decreto definirà la ripartizione analitica dei contingenti e il decreto di autorizzazione in base al quale i singoli atenei interessati potranno emanare i bandi.

Le modalità di iscrizione ai corsi saranno definite dai singoli atenei secondo le procedure previste dal Decreto Ministeriale 30 settembre 2011: i corsi sono riservati ai soli docenti già abilitati, è prevista una prova di accesso (costituita da un test preliminare, da una o più prove scritte o pratiche e da una prova orale) e la valutazione di eventuali titoli culturali e professionali (fino ad un massimo di 10 punti).

In considerazione di quanto previsto nel Decreto del Presidente della Repubblica del 25 marzo 2014 che dichiara abilitanti il diploma di scuola ed istituto magistrale conseguiti entro il 2001/2002, potranno iscriversi ai corsi di sostegno anche i maestri diplomati.

Nel Decreto, viene autorizzata l'ammissione in soprannumero ai corsi del III ciclo, dei docenti risultati idonei, ma non in posizione utile per l'ammissione ai cicli precedenti, e per coloro che hanno interrotto la frequenza dello stesso con riconoscimento degli eventuali crediti.