Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Formazione iniziale – Supervisori del Tirocinio - C.M.130

Formazione iniziale – Supervisori del Tirocinio - C.M.130

Finalmente è stata firmata, uno degli ultimi atti del ministro Berlinguer, la circolare sui supervisori del tirocinio

28/04/2000
Decrease text sizeIncrease  text size

Finalmente è stata firmata, uno degli ultimi atti del ministro Berlinguer, la circolare sui supervisori del tirocinio, lungamente richiesta dalla CGIL Scuola, in attuazione del documento congiunto tra la Commissione mista MURST-MPI e le organizzazioni sindacali della scuola.

La circolare ribadisce il valore dell'esperienza della supervisione del tirocinio nell'interesse della scuola e dell'università e dà indicazioni per facilitare lo svolgimento dell'attività e per riconoscere le competenze professionali.

Questi i punti presi in considerazione:

* l'orario di servizio, sia di insegnamento che funzionale, dovrà essere adattato in modo da permettere l'attività nella scuola e nell'università; l'impegno lavorativo nella scuola può essere articolato anche su due giorni (il semiesonero non è sottoposto ai vincoli del part-time); l'orario di insegnamento, di regola, non deve essere superiore al 50%; analoghe agevolazioni, oltre ai permessi per il diritto allo studio, sono estese ai docenti, di ruolo e precari, che frequentano i corsi di laurea e le scuole di specializzazione;
* si dovrà favorire l'utilizzazione dei supervisori nell'ambito della scuola, su attività diverse dall'insegnamento: l'esperienza ha messo in luce la difficoltà a coniugare insegnamento frontale e la responsabilità sulle classi con l'attività all'università;
* l'attività svolta in qualità di supervisori sarà riconosciuta ai fini dell'individuazione delle funzioni obiettivo e per altre forme di riconoscimento professionale derivanti dagli sviluppi post-art.29; la CGIL scuola chiede che l'attività dei supervisori sia valutata anche ai fini del concorso a dirigente scolastico;
* i supervisori che svolgono attività aggiuntive al semiesonero, nella propria scuola, possono accedere al fondo di istituto, così come gli insegnanti accoglienti (tutor) hanno diritto al fondo per l'attività aggiuntiva svolta per la progettazione e lo svolgimento del tirocinio.

Vengono infine indicati alcuni criteri qualitativi per la realizzazione del tirocinio e per l'impostazione delle convenzioni.

Nei prossimi giorni solleciteremo al nuovo ministro la richiesta d'incontro sulla questione dei riconoscimenti professionali e retributivi.