Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Scuola » Incontro al Ministero dell’Istruzione su protocollo di sicurezza e risorse

Incontro al Ministero dell’Istruzione su protocollo di sicurezza e risorse

Aggiornata la discussione sul protocollo di sicurezza, illustrate le risorse del Piano estate e del DL sostegni bis.

05/08/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Si è tenuto giovedì 5 agosto l’incontro tra MI e sindacati con all’odg: 

  • protocollo sicurezza;
  • distribuzione delle risorse per incarichi temporanei di personale docente ATA, ai sensi dell’articolo 58 DL 73/2021 convertito con modificazioni della Legge 23 luglio 2021, n. 106 (approfondisci).

L’illustrazione del Ministero

L’incontro, introdotto dal Dott. Iacopo Greco, capo Dipartimento delle Risorse umane e finanziarie del Ministero, ha visto lo slittamento della discussione sul Protocollo sulla Sicurezza ad una ulteriore convocazione che dovrebbe arrivare al più presto.

La FLC CGIL ha rilevato la necessità e l’urgenza di affrontare la stesura di un nuovo Protocollo per il prossimo anno al fine di garantire un rientro in presenza e in sicurezza. Con la definizione del Protocollo sono indispensabili risorse specifiche per garantire il distanziamento attraverso il ripristino dell’organico aggiuntivo Covid e per la realizzazione un piano di trasporti dedicato. Inoltre, abbiamo sollevato un problema di reale ascolto delle parti sociali che, rispetto alla ventilata introduzione del Green Pass e alle evidenti ulteriori ricadute sul Protocollo di sicurezza, sono chiamate a rappresentare difficoltà e soluzioni a garanzia di personale e studenti.

Con l’occasione il Dott. Greco ha illustrato, anche su richiesta della parte sindacale, l’entità delle risorse e dei criteri di distruzione alle scuole derivanti dal Piano scuola dell’estate e dal Decreto-legge sostegni bis.

Nel complesso si tratta di 2 miliardi e 428, 6 milioni di euro così ripartiti: 540 mln di euro riservati al Piano scuola estate, 700 mln di euro per beni e servizi finalizzati alla sicurezza, 400 mln di euro per il potenziamento dell’apprendimento, 142,5 mln di euro per la numerosità delle classi (supplenti covid), 646,1 mln di euro per la scuola digitale (di cui 121,1 mln di euro già autorizzati). Appena riceveremo la documentazione richiesta daremo una informazione più dettagliata sulle risorse.