Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Interpretazione autentica: compensi aggiuntivi in caso di festività coincidenti con la domenica

Interpretazione autentica: compensi aggiuntivi in caso di festività coincidenti con la domenica

Una ordinanza del giudice del lavoro di Torino ha chiesto una interpretazione autentica dell’art. 82 (disapplicazioni) del CCNL 1994-1997 del 4 agosto 1995, a seguito di un ricorso che chiede il riconoscimento del diritto alla corresponsione di un compenso aggiuntivo per le festività coincidenti con la domenica.

27/03/2003
Decrease text sizeIncrease  text size

Una ordinanza del giudice del lavoro di Torino ha chiesto una interpretazione autentica dell’art. 82 (disapplicazioni) del CCNL 4 agosto 1995, a seguito di un ricorso che chiede il riconoscimento del diritto alla corresponsione di un compenso aggiuntivo per le festività coincidenti con la domenica.

Il ricorso fonda la richiesta sull’art.5 della legge 260/49, norma che non è prevista esplicitamente tra quelle disapplicate dal contratto del ’95.

L’interpretazione autentica esclude la sopravvivenza dell’art.5 della legge 260/49 e quindi del diritto ad un compenso aggiuntivo in caso di festività coincidenti con la domenica.

Queste le ragioni:

  • L’art. 2 del DLgs 165/01 (Norme generali sull’ordinamento del lavoro alla dipendenze delle amministrazioni pubbliche) prevede che i rapporti di lavoro dei dipendenti pubblici sono regolati contrattualmente e che l’attribuzione di trattamenti economici può avvenire esclusivamente mediante contratti collettivi. Prevede, inoltre, che le disposizioni di legge che attribuiscono incrementi retributivi non previsti da contratti cessano di avere efficacia con l’entrata in vigore del relativo rinnovo contrattuale.

  • L’art. 20 (Festività) del CCNL 4 agosto 1995 disciplina la materia in questione, senza prevedere compensi aggiuntivi in caso di festività coincidenti con la domenica.

  • Il secondo comma dell’art. 82 del CCNL ’95 che non rimangano in vigore le disposizioni contrarie o incompatibili con il contratto.

Segue il testo dell’interpretazione autentica.

__________________

Premesso che con ordinanza del 18.02.03 il Giudice del Lavoro del Tribunale di Torino, ai sensi dell’art. 64 del D.lgs. n. 165/2001, ha demandato alle parti negoziali firmatarie in data 4 agosto 1995 del CCNL del comparto Scuola, quadriennio normativo 1994/97, una questione interpretativa circa l’efficacia abrogatrice del predetto CCNL rispetto all’art. 5 della legge n. 260/49, che prevede un compenso aggiuntivo in caso di festività nazionale coincidente con la domenica;

Le parti negoziali predette, riunitesi presso l’ARAN in data 27 marzo 2003, hanno reso la seguente interpretazione autentica:

“La materia in questione risulta integralmente ed esaustivamente disciplinata dall’art.20 del CCNL 4 agosto 1995, per cui, come precisatocon il comma 2 dell’art. 82 del medesimo CCNL, l’invocata sopravvivenza dell’art.5 della legge n. 260/49, si rende incompatibile con la predetta disciplina contrattuale e con la relativa certificazione dei costi effettuata dalla Corte dei Conti.”

Roma, 27 marzo 2003