Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Scuola » L’Emilia Romagna emana la Legge sul sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale

L’Emilia Romagna emana la Legge sul sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale

Condivisibili i contenuti e il preventivo confronto con le parti sociali

04/07/2011
Decrease text sizeIncrease  text size

Sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia Romagna del 30 giugno 2011 è stata pubblicata la Legge Regionale 30 giugno 2011 n. 5 che disciplina il sistema regionale di Istruzione e Formazione  Professionale (IeFP).

Si tratta di un atto normativo di grande rilievo che stabilisce alcuni principi, non solo condivisibili, ma che potrebbero trovare piena cittadinanza anche nella normativa nazionale e/o di altre regioni. In particolare:

  • il sistema di IeFP della regione Emilia Romagna si baserà sulla progettazione unitaria e integrata dei percorsi da parte degli Istituti Professionali e degli organismi della Formazione Professionale (art. 6 comma 3)
  • nell’ambito di tale integrazione l’iscrizione al primo anno dei percorsi di IeFP avverrà presso un istituto professionale (art. 6 comma 2)
  • la Regione garantirà specifici interventi per garantire “i passaggi degli studenti da un percorso all’altro,” mediante “percorsi formativi flessibili, comprensivi di attività di sostegno e di riallineamento delle competenze,” (art. 6 comma 4).

Condivisibile anche il metodo utilizzato per definire i contenuti essenziali della Legge: l’iter di approvazione della L.R. n. 5/11 è stato preceduto da un intenso confronto tra soggetti istituzionali e parti sociali nell’ambito della Commissione regionale tripartita.

La legge prevede ora una serie di ulteriori passaggi tra cui, di fondamentale importanza, la definizione degli standard formativi e dei criteri di certificazione dei percorsi (art. 9).