Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » La FLC CGIL sostiene la mobilitazione promossa dall'UdS contro regionalizzazione e riforma degli Esami di Stato

La FLC CGIL sostiene la mobilitazione promossa dall'UdS contro regionalizzazione e riforma degli Esami di Stato

Dal 15 al 22 febbraio 2019 studenti in mobilitazione nelle scuole e nelle piazze.

18/02/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

La FLC CGIL condivide le ragioni della protesta. Sono legittime le preoccupazioni per il cambiamento dell’esame di Stato, avvenuto ad anno scolastico già in corso e senza alcuna discussione con chi ogni giorno vive la scuola ed è al fianco degli studenti che sentono forte le minacce al sistema nazionale di istruzione.

La difesa dell'unitarietà del sistema contro il nefando progetto di regionalismo differenziato nella scuola e la giusta richiesta di una legge sul diritto allo studio, sono gli altri punti che hanno portato gli studenti a bloccare la didattica nelle classi durante la  settimana di mobilitazione.  

Tutta la FLC CGIL è impegnata per evitare il disastro legato ai progetti governativi di regionalizzazione del sistema scolastico e più volte abbiamo denunciato l’assenza di dialogo da parte del MIUR.

ll Ministero ascolti chi ogni giorno vive la scuola, come queste ragazze e questi ragazzi, studentesse e studenti nei quali il Paese crede e vuole investire. Per questo abbiamo chiesto e chiediamo al MIUR un’inversione di tendenza, bloccando la nefasta regionalizzazione del nostro sistema educativo e rinviando la riforma degli Esami di Stato.