Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » La retribuzione del personale precario:un grosso passo in avanti con l'introduzione del conguaglio fiscale

La retribuzione del personale precario:un grosso passo in avanti con l'introduzione del conguaglio fiscale

L'intervento della CGIL scuola volto alla semplificazione e alla razionalizzazione delle procedure per il pagamento dello stipendio al personale precario - CM 244/99 - coglie due importanti risultati con l'emanazione della circolare n. 276 del 18.11.99 che opportunamente integra e modifica la precedente. Il primo: i precari della scuola, oltre ad avere tempestivamente in busta paga tutte le spettanze (stipendio, ferie e tredicesima) potranno avvalersi dell'istituto del conguaglio fiscale di fine d'anno che, in tanti casi, produce ulteriori benefici economici.

18/11/1999
Decrease text sizeIncrease  text size

L'intervento della CGIL scuola volto alla semplificazione e alla razionalizzazione delle procedure per il pagamento dello stipendio al personale precario - CM 244/99 - coglie due importanti risultati con l'emanazione della circolare n. 276 del 18.11.99 che opportunamente integra e modifica la precedente.
Il primo: i precari della scuola, oltre ad avere tempestivamente in busta paga tutte le spettanze (stipendio, ferie e tredicesima) potranno avvalersi dell'istituto del conguaglio fiscale di fine d'anno che, in tanti casi, produce ulteriori benefici economici.
Il secondo: per effetto del conguaglio fiscale, tanti lavoratori non saranno obbligati a presentare la denuncia dei redditi annuale; in questo modo, agli evidenti vantaggi individuali si aggiungono quelli generali della pubblica amministrazione (nello specifico del ministero delle finanze) che dovrà gestire decine di migliaia di dichiarazioni 740 in meno.

Roma, 18 novembre 1999