Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Scuola » Mobilità scuola 2018/2019: vademecum per la compilazione delle domande

Mobilità scuola 2018/2019: vademecum per la compilazione delle domande

A qualche giorno dall’apertura dei termini, mettiamo a disposizione un completo strumento di approfondimento e supporto per la presentazione delle domande.

29/03/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

Dopo la sottoscrizione definitiva dell’accordo che proroga di un anno il CCNI mobilità 2017/2018 per il personale della scuola, è stata emanata l’Ordinanza Ministeriale 207 del 9 marzo 2018 che dà avvio alle procedure per la presentazione delle domande. Con l’Ordinanza Ministeriale 208 del 9 marzo 2018 si forniscono indicazioni per gli insegnanti di religione cattolica. Con la nota 13708 del 13 marzo 2018 il MIUR ha trasmesso il contratto, le ordinanze e tutta la modulistica allegata. Leggi la notizia.

Guida alla compilazione delle domade e scheda sintetica

I primi a presentare domanda saranno i docenti di ogni ordine e grado che avranno tempo dal 3 aprile fino al 26 aprile. Il personale ATA potrà inoltrarla dal 23 aprile al 14 maggio, mentre per il personale educativo, l’inizio è previsto il 3 maggio e la conclusione il 28 maggioCalendario completo delle scadenze.

Il nostro vademecum approfondisce la normativa e va ad aggiungersi alla scheda sintetica precedentemente pubblicata, per completare gli strumenti di supporto informativo utili alla compilazione delle domande di mobilità territoriale e professionale per l’a.s 2018/2019.  

Mettiamo inoltre a disposizione i fac simile delle autocertificazioni di quanto dichiarato nella domanda

Tutte le autocertificazioni sono scaricabili da questo indirizzo.

Link utili

Per saperne di più

Nello speciale, costantemente aggiornato, la normativa, la documentazione, i modelli e i fac simile da allegare alla domanda e gli approfondimenti. Vai allo speciale.

Iscriviti alle newsletter per gli aggiornamenti

Per esaminare situazioni particolari o per casi specifici consigliamo di rivolgersi ad una sede della FLC CGIL per avere una consulenza più dettagliata.