Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Organici scuola 2015/2016: il MIUR pubblica la circolare sull’organico di fatto

Organici scuola 2015/2016: il MIUR pubblica la circolare sull’organico di fatto

Aumentano gli alunni, diminuiscono ulteriormente i posti: grave e inaccettabile!

07/07/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

La FLC CGIL conferma il giudizio pesantemente negativo già espresso in occasione dell’incontro con i sindacati della scorsa settimana.

Il MIUR, a fronte di un costante aumento di alunni in molte regioni, procede ad una ulteriore riduzione di posti rispetto a quanto già fatto in organico di diritto, senza spiegarne neanche i criteri utilizzati e, dunque, senza alcun elemento di trasparenza.

Questa situazione è particolarmente grave perché sarà “solo” con questa dotazione di posti complessivamente pari a quella dello scorso anno (e degli ultimi anni), ovvero 628.067 posti docenti che è il tetto insuperabile a normativa vigente, cioè una dotazione assolutamente insufficiente e inadeguata, che si dovrà garantire il regolare avvio del prossimo anno scolastico. Già lo scorso anno il MIUR, in presenza di circa 5000 alunni in più di quanto previsto, aveva dovuto attivare oltre 1500 posti in più rispetto al tetto programmato. Dunque è del tutto evidente che neanche per il prossimo anno il limite dei 628.067 posti sarà sufficiente. Non a caso molti uffici scolastici regionali, ma anche molti assessori regionali, in presenza di un significativo aumento di alunni hanno scritto al Ministro per chiedere ulteriori posti.

La FLC CGIL si batterà in tutte le sedi affinché alle scuole sia assicurato quanto serve per garantire il diritto allo studio e l’avvio regolare dell’anno scolastico.

Tra l’altro è ormai assodato che il tanto promesso organico potenziato non solo non sarà quello inizialmente dichiarato dal Governo (assunzioni su 150.000 posti per il 2015-2016), ma quello ben più misero previsto nel DDL in via di approvazione ed insufficiente a coprire i posti effettivi necessari ed che, inoltre, questa dotazione aggiuntiva arriverà, se va bene, solo ad anno scolastico ampiamente iniziato e, quasi sicuramente, solo con nomine giuridiche dal 1 settembre 2015.

Le scuole, per poter funzionare e garantire il servizio, non sanno che farsene di “assunzioni virtuali” perché hanno bisogno di certezze e di docenti (ma anche di personale Ata tutto) in carne ed ossa e, questo, sin dal primo giorno di scuola e non certo come regalo di Natale.

Il testo della nota 19400 del 3 luglio 2015 ricalca quello degli anni passati, ma con molte parti “tagliate” in quanto ritenute ripetitive e superflue visto che, in premessa, si rinvia a tutte le precedenti circolari (in particolare la nota 6753 del 27 febbraio 2015 sull’organico di diritto) che sono tutte riconfermate. Ricordiamo, ad esempio, le indicazioni sulla rassegnazione delle economie nella scuola primaria, quelle sempre in vigore sulle condizioni per attivare la seconda lingua straniera nella scuola secondaria sia di primo che di secondo grado, quelle sull’attivazione dell’ufficio tecnico in presenza di ITP in esubero, quelle sull’obbligo ad attivare tutti i posti necessari negli ex serali visto che molti di questi posti destinati all’educazione degli adulti sono pure stati tagliati in organico di diritto.