Home » Scuola » Precari » Docenti precari: precisazioni del MIUR sui 24 CFU necessari per partecipare al futuro concorso

Docenti precari: precisazioni del MIUR sui 24 CFU necessari per partecipare al futuro concorso

Entro fine luglio 2017 il decreto. Attenzione alle proposte che non hanno alcun avallo ministeriale.

23/06/2017
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato, il 23 giugno 2017, un comunicato ufficiale, nel quale fornisce chiarimenti sui 24 CFU nei settori antropo-psico-pedagogici e nelle metodologie didattiche, previsti Decreto legislativo 59/17 per la partecipazione ai futuri concorsi per la scuola secondaria.

Il Decreto con il quale saranno “individuati i settori scientifico-disciplinari all’interno dei quali sono acquisiti i 24 CFU/CFA […] e gli obiettivi formativi, le modalità organizzative del conseguimento dei crediti in forma extra-curricolare e gli eventuali costi a carico degli interessati, nonché gli effetti sulla durata del corso per gli studenti che eventualmente debbano conseguire detti crediti in forma aggiuntiva rispetto al piano di studi curricolare” è previsto per la fine del mese di luglio 2017.

Il Ministero precisa anche che: “…nell’esclusivo interesse delle potenziali candidate e dei potenziali candidati, e per evitare affidamenti mal riposti o ingiustificati, si ritiene indispensabile sottolineare che i corsi attualmente pubblicizzati da diverse istituzioni, formative e non, sono promossi in totale mancanza dell’atto ministeriale che determinerà le inderogabili condizioni per il conseguimento e il riconoscimento dei crediti necessari quale requisito di accesso alle prossime procedure concorsuali”

Per evitare speculazioni è opportuno, quindi, stare molto attenti alle proposte che circolano e che millantano di essere autorizzati dal MIUR o di essere già a conoscenza degli SSD necessari: è opportuno aspettare il decreto per evitare di essere indotti in errore e affrontare spese che possono rivelarsi inutili o eccessive.

Ricordiamo che sono esentati dal possesso di tali CFU:

  1. I docenti abilitati che, previa valutazione di una prova orale non selettiva, saranno inclusi in una graduatoria di merito regionale ad esaurimento finalizzata alle assunzioni in ruolo (dopo l’esaurimento di GAE e concorso 2016).
  2. I docenti con almeno 3 anni di servizio (di almeno 180gg) che potranno partecipare ad una sessione riservata del concorso (con una prova scritta in meno e una riserva di posti).
  3. I docenti che accedono alle classi di concorso degli ITP (tabella B) fino al 2024/2025