Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Precari » GPS delle discipline musicali e coreutiche: lo stato dell’arte

GPS delle discipline musicali e coreutiche: lo stato dell’arte

Corrette alcune anomalie del sistema e chiarite la modalità di dichiarazione dei servizi prima dell’a.s. 2017/2018 nei Licei musicali e coreutici. Forti criticità sui titoli artistici.

29/07/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

Gli aspiranti impegnati in questi giorni a compilare le istanze di inserimento nelle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) delle discipline musicali e coreutiche, si sono imbattuti in una serie di inconvenienti e carenze del sistema che la FLC CGIL ha immediatamente segnalato al Ministero. Alcuni di questi problemi sono stati risolti, riguardo ad altri si attendono ulteriori chiarimenti e modifiche del software.

Vediamo le questioni che hanno trovato una positiva soluzione

  • per l’inserimento in prima fascia delle graduatorie per le classi di concorso A-53 Storia della Musica, A-63 Tecnologie Musicali e A-64 Teoria Analisi e Composizione (TAC) il sistema non chiede di dichiarare di aver svolto servizio specifico, come scritto nell’art. 4 dell’OM 60/20. In base all’Allegato E al DM 259/17, il servizio specifico è requisito necessario solo per la A-55 Strumento Musicale negli Istituti di istruzione secondaria di II grado (sia per la prima che per la seconda fascia)
  • nella sezione A/1 delle GPS di II fascia per le classi di concorso di indirizzo del Liceo Musicale  è ora finalmente possibile dichiarare la votazione dei titoli di accesso da parte di coloro che flaggano “Titolo di accesso ai sensi dell'art. 4 comma 2, lettera a) OM (solo per le classi di concorso A-53, A-55, A-63, A-64) purchè già inseriti nelle graduatorie di istituto di terza fascia” oppure “Titolo di accesso ai sensi dell'art. 4 comma 2, lettera b) OM (solo per le classi di concorso A-53, A-55, A-63, A-64)”
  • riguardo al servizio prestato nel Liceo musicale prima del 2017/2018 (anno scolastico di entrata in vigore delle nuove classi di concorso di cui al DPR 19/16) il Ministero ha elaborato una specifica faq: “Relativamente alle classi di concorso A-53, A- 55, A- 63, A-64 è valutabile come servizio specifico il servizio prestato sulle suddette classi di concorso a decorrere dall’anno scolastico 2017/18 e il servizio prestato fino all'a.s. 2016/17, compreso, presso i licei musicali nelle relative discipline di cui all'allegato E al D.P.R. 15 marzo 2010 n. 89 dai docenti di cui alle ex classi di concorso A31 , A32, di cui al Decreto del Ministro della pubblica istruzione 30 gennaio 1998 n. 39 e s.m.i. e A077 di cui al Decreto del Ministro dell'istruzione, università e della ricerca 6 agosto 1999 n. 201.”
  • in fase di inoltro delle istanze di II fascia delle discipline di indirizzo del Liceo appariva il seguente messaggio di blocco “Per le classi di concorso A-53, A-55, A-63 e A-64, deve essere dichiarato almeno un servizio prestato su A-29, A-30, A-56”. L’anomalia è stata rimossa ed è possibile inviare la domanda
  • riguardo al servizio prestato nel Liceo coreutico prima del 2017/2018 (anno scolastico di entrata in vigore delle nuove classi di concorso di cui al DPR 19/16) il Ministero fornisce le seguenti indicazioni: “Relativamente alle classi di concorso A- 57, A - 58, A - 59 è valutabile come servizio specifico il servizio prestato sulle suddette classi di concorso a decorrere dall’anno scolastico 2017/18 e il servizio prestato fino all'a.s. 2016/17, compreso, nelle classi di concorso appositamente identificate con il codice X057, X058, X059.”
  • il crash che era presente sui titoli artistici BA.26 per le classi di concorso A-57 Tecniche della danza classica e A-58 Tecniche della danza contemporanea, è stato rimosso. Questa sezione è compilabile
  • nella sezione A2 delle GPS di I fascia è stata inserita la voce COBASLID che era stata precedentemente omessa.

Su altre questioni attendiamo risposte.

Sui titoli artistici permangono forti criticità a partire dall’illogicità della tabella fino ad arrivare a possibili pratiche poco trasparenti riguardo ai titoli acquisiti all’estero, per i quali le specifiche tabelle di valutazione non prevedono alcun requisito per la loro validità.