Sciopero scuola 30 maggio 2022, cosa chiediamo

Home » Scuola » Precari » Immissioni in ruolo: è tempo di risposte

Immissioni in ruolo: è tempo di risposte

Al Ministero dell'Istruzione chiediamo di mantenere fede agli impegni presi per l'attuazione di un piano triennale di stabilizzazione del personale della scuola.

27/07/2012
Decrease text sizeIncrease  text size

La FLC CGIL si è molto spesa perché il Ministero dell’Istruzione si impegnasse a dare seguito al piano di stabilizzazioni triennale del personale della scuola, previsto dal patto di stabilità dello scorso anno.

In attesa del decreto che finalmente licenzi il contingente di immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2012-2013, ancora una volta la FLC CGIL chiede che, dopo una attenta ricognizione di tutti i posti disponibili a vario titolo per le immissioni in ruolo, quel patto venga mantenuto nella sua interezza: un piano pluriennale di stabilizzazioni è indispensabile per garantire la continuità e qualità didattica dei piani dell’offerta formativa delle scuole.

In questi anni decine di migliaia di precari hanno garantito quotidianamente, con la loro professionalità, la qualità del servizio scolastico del nostro paese e oggi sono in attesa di risposte e certezze per il loro futuro professionale.

La FLC CGIL ritiene che il raggiungimento degli obiettivi propri della scuola pubblica è strettamente legato alla risoluzione dei problemi occupazionali dei lavoratori precari.