Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

Home » Scuola » Precari » Liceo coreutico: la beffa dei concorsi

Liceo coreutico: la beffa dei concorsi

Pochi posti e test di ingresso per chi ha lavorato in tutti questi anni alla costruzione del nuovo indirizzo di studio. FLC CGIL: meccanismo sbagliato e da cambiare.

20/05/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

Da settimane è in atto una forte iniziativa di mobilitazione della FLC CGIL sulla della stabilizzazione dei docenti precari che, riguardo alla scuola secondaria, ha l’obiettivo di semplificare significativamente il concorso straordinario dedicato agli insegnanti con almeno tre anni di servizio nella scuola statale dall’a.s. 2008/09 all’a.s. 2019/20.

Particolarmente gravi sono le conseguenze dell’attuale modalità di effettuazione del concorso, sul Liceo Coreutico. Tale percorso di studio, introdotto a partire dall’a.s. 2010/11, presente attualmente in 41 istituzioni scolastiche statali alle quali si aggiunge un ulteriore corso nella provincia autonoma di Trento, in assenza di specifici percorsi di reclutamento, è stato di fatto costruito e gestito didatticamente da docenti precari. Legare la stabilizzazione dei docenti delle tre classi di concorso di indirizzo A-57 Tecnica della danza classica, A-58 Tecnica della danza contemporanea, A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza e teoria e pratica musicale per la danza, a un test appare davvero irragionevole.

Ancora più incredibile è constatare che i posti assegnati al concorso straordinario sono molti di meno di quello assegnati al concorso ordinario:

Classe di concorso

Posti assegnati al concorso straordinario

Posti assegnati al concorso ordinario

A-57 Tecnica della danza classica

24

32

A-58 Tecnica della danza contemporanea

9

19

A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza e teoria e pratica musicale per la danza

33

47

TOTALE

66

98

Inoltre, tenuto che un corso a regime produce 2 posti in A57, 1 posto in A58 e 3 posti in A59, in realtà i posti liberi a regime sono rispettivamente: 82 per la A57, 41 per la A58 e 123 per la A59 per un totale di 246 posti.

A fronte di questa situazione, sta crescendo sempre più la protesta e la mobilitazione dei docenti attualmente in servizio nei Licei coreutici.

La FLC CGIL, nel condividere questa protesta, anche alla luce del prossimo decreto legge Rilancio, propone di:

  • inserire a concorso tutto l’organico di diritto disponibile dei coreutici;
  • aumentare la percentuale delle assunzioni a favore del concorso straordinario
  • attribuire i posti singoli o dispari al concorso straordinario.