Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Precari » Richiesta di prova suppletiva concorso straordinario: il modello che possono usare i docenti in quarantena o affetti da COVID

Richiesta di prova suppletiva concorso straordinario: il modello che possono usare i docenti in quarantena o affetti da COVID

L'invio del modello è propedeutico per poter aderire al ricorso per chiedere le prove suppletive.

21/10/2020
Decrease text sizeIncrease  text size
Mettiamo a disposizione dei lavoratori della scuola il modulo per presentare la richiesta di prova suppletiva per il concorso straordinario da usare in caso di impossibilità a presentarsi alle prove per motivi legati all'emergenza epidemiologica da COVID 19. Possono usarlo gli insegnati che non potranno partecipare in quanto soggetti a quarantena,quelli positivi al tampone e pertanto affetti da COVID 19, oppure quelli in attesa di esito del tampone. 

Il modello va inviato via PEC o via raccomandata a/r al Ministero dell'Istruzione e all'Ufficio Scolastico Regionale della Regione prescelta per la partecipazione al concorso.

L'invio del modulo è propedeutico a presentare ricorso per partecipare al concorso e quindi chiedere prove suppletive. Le indicazioni per aderire al ricorso saranno pubblicate sul sito nei prossimi giorni.

Come sapere il 7 ottobre abbiamo inviato al Ministero dell'istruzione un atto di messa in mora e diffida sul tema delle prove suppletive, pertanto andiamo avanti con la tutela dei lavoratori ingiustamente esclusi in quanto impossibilitati a partecipare al concorso per motivi sanitari o in quanto soggetti a quarantena.

La scelta di continuare a portare avanti il concorso in questa condizione è sbagliata e lede i diritti di tanti lavoratori che saranno esclusi solo per aver fatto il proprio dovere di insegnanti, esponendosi così al contagio o alla quarantena. Inoltre lo svolgimento delle prove in presenza e dentro le scuole, con gli spostamenti territoriali connessi e la promiscuità che si verrà a acreare tra persoanle esterno e interno alle istituzioni scolastiche, esporrà insegnanti, studenti e personale ATA  al rischio di una ulteriore diffusione del contagio.