Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Proposta di Regolamento attuativo obbligo formativo

Proposta di Regolamento attuativo obbligo formativo

Il regolamento attuativo dell’obbligo formativo, introdotto nel nostro ordinamento nel maggio 1999, è stato approvato definitivamente e compitamente.

27/02/2000
Decrease text sizeIncrease  text size

Il regolamento attuativo dell’obbligo formativo, introdotto nel nostro ordinamento nel maggio 1999, è stato approvato definitivamente e compitamente: infatti il Consiglio dei Ministri del 25 febbraio u.s. ha approvato il testo, relativo alla parte di specifica competenza del Governo, sull'attuazione dell’obbligo nella scuola secondaria.

Rispetto alle bozze in circolazione, il testo licenziato dal Consiglio dei Ministri contiene, fra le altre, due importanti novità:
1. l’aumento delle ore da destinare alla formazione nell’apprendistato, pari ad almeno 120 h, aggiuntive rispetto alle 120 già previste dall’art. 16 della legge n. 196/97. Ciò significa, in sostanza, che ci saranno due regimi per gli apprendisti: uno per gli apprendisti over 18 anni, per i quali vale quanto previsto dalla normativa ex art. 16 della legge 196/97; ed uno per gli apprendisti under 18 anni, per i quali dovrà applicarsi il raddoppio delle ore da destinare alla formazione.
2. L'estensione dell'obbligo formativo anche ai minori stranieri presenti nel nostro paese.

La Conferenza unificata Stato Regioni, dal canto suo, nella seduta del 2 marzo, ha licenziato il regolamento per le parti riguardanti l’assolvimento dell’obbligo formativo nel sistema della formazione professionale, di competenza regionale, e nell’esercizio dell’apprendistato.

In sostanza il regolamento, che di seguito riportiamo, risulta costituito da più parti: una riguardante la scuola secondaria, di competenza del Governo, un'altra, sottoposto al vaglio ed alla approvazione della Conferenza unificata Stato-Regioni per la parte riguardante la Formazione professionale e l'apprendistato. In tal modo, a partire dal 2000/2001, i giovani tra i 15 e i 18 anni possono scegliere fra tre percorsi:

  • all'interno del sistema dell'istruzione;

  • all'interno del sistema di formazione professionale regionali

  • nel lavoro, con il contratto di apprendistato, o altra tipologia contrattuale, che garantisca comunque la frequenza di percorsi formativi o nell'istruzione o nella Formazione professionale

Regolamento Governativo sull'obbligo di frequenza nella scuola secondaria superioreProposta di

Accordo alla Conferenza Stato-Regioni

Testo Accordo Conferenza Stato-Regioni

Obbligo di frequenza nel sistema regionale di Formazione Professionale e nell'apprendistato -

Roma, 27 febbraio 2000