Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Pubblicata l’Ordinanza Ministeriale sul calendario scolastico 2015/2016

Pubblicata l’Ordinanza Ministeriale sul calendario scolastico 2015/2016

Il MIUR definisce il calendario senza il parere del CSPI e aggiunge indicazioni riferite ai CPIA.

23/07/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

Il MIUR ha pubblicato l’Ordinanza Ministeriale 15 del 20 luglio 2015 sul calendario scolastico 2015/16 che fissa le date:

  • per la prova a carattere nazionale dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione (17 giugno 2016 con inizio alle ore 8:30 e  prima e seconda sessione suppletiva nei  giorni 22 giugno 2016 e 2 settembre 2016, con inizio alle ore 8:30)
  • per l’inizio dell’esame di Stato conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado con la prima prova scritta (22 giugno 2016 alle ore 8:30 e prima prova scritta suppletiva 6 luglio 2016 alle ore 8:30).

Sull’Ordinanza il MIUR non ha richiesto il prescritto parere del CSPI motivandolo nelle premesse con la cessazione della proroga del precedente Organi senza dire nulla sul fatto che il 28 aprile 2015 si sono svolte le elezioni, frutto dell’impegno della FLC CGIL, e che per la costituzione del nuovo CSPI manca ancora la componente di nomina Ministeriale.

Relativamente ai CPIA l’Ordinanza stabilisce:

  • per il primo ciclo la data dell’esame conclusivo sarà stabilita dal dirigente, sentito il collegio dei docenti, con esonero per il 2015/16 dalla prova scritta a carattere nazionale;
  • per il primo ciclo, per gli adulti con patto formativo individuale (DPR 263 del 2011)  e con percorso di studio personalizzato, che si conclude entro il mese di febbraio 2016, l’esame di Stato si può sostenere entro il 31 marzo 2016, secondo il calendario stabilito dal dirigente scolastico, sentito il collegio dei docenti e tenuto conto delle indicazioni dell’USR;
  • per l’esame di Stato conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado gli adulti sosterranno le prove nelle stesse date previste per gli studenti dei corsi ordinamentali.

L’Ordinanza fissa le festività e considerato che non è stato ancora emanato il DPCM (decreto del presidente del Consiglio dei Ministri) sulle celebrazioni e le festività conferma le date del precedente anno scolastico.