Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Riduzione appalti storici: richiesto un incontro urgente

Riduzione appalti storici: richiesto un incontro urgente

Il taglio del 25% produce licenziamenti e disservizi. Per la FLC Cgil, Cisl e Uil Scuola è necessaria una soluzione politica.

03/03/2010
Decrease text sizeIncrease  text size

Nell'incontro al Miur del 16 febbraio, insieme a tutte le altre organizzazione sindacali, abbiamo contestato la scelta dell'amministrazione di ridurre (del 25%) autonomamente i contratti d'appalto, stipulati per garantire la sorveglianza degli alunni e la pulizia delle sedi scolastiche.

La nota del 22 febbraio 2010 interviene in maniera inadeguata, ribadendo il taglio del 25% degli appalti, senza risolvere le difficoltà occupazionali del personale dipendente delle ditte d'appalto, senza affrontare le ricadute negative dei disservizi e sull' aumento dei carichi di lavoro del personale collaboratore scolastico già in forte sofferenza e che subirà quest'anno i tagli all'organico già programmati.

Abbiamo pertanto chiesto unitariamente un incontro urgente con il Capo di Gabinetto del Ministro per difendere l'occupazione dei lavoratori delle ditte d'appalto e per avere garanzie in merito alle dotazioni di organico dei collaboratori scolastici indispensabili per garantire la qualità dei servizi e la sicurezza degli alunni nel servizio scolastico pubblico!

Roma, 3 marzo 2010

___________________

FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA

Roma, 23 febbraio 2010

Prot. n. 075/2010 DP/lr-gr
Avv. Vincenzo Nunziata
Capo di Gabinetto
Ministero dell’Istruzione, della
Università e della Ricerca
Viale Trastevere, 76 a
00153 Roma
e p.c.

Dott. Giuseppe Cosentino
Capo Dipartimento per l’Istruzione
Ministero dell’Istruzione, della
Università e della Ricerca
Viale Trastevere, 76 a
00153 Roma

Oggetto: Appalti storici.

Le scriventi Organizzazioni Sindacali con la presente sollecitano l’incontro sugli appalti e le relative ricadute sugli organici e l’organizzazione del lavoro, già richiesto con lettera del dicembre 2009.

Distinti saluti,

Domenico Pantaleo
Francesco Scrima
Massimo Di Menna