Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Scuola » Riunione del Tavolo Permanente: si riprende la discussione sulla sicurezza

Riunione del Tavolo Permanente: si riprende la discussione sulla sicurezza

Per la FLC CGIL sono molti i temi da affrontare per garantire la sicurezza, ma si deve partire subito con l’adeguamento del protocollo di agosto sulla base delle esperienze e delle problematiche segnalate dalle scuole. Il Ministero fissa un primo calendario di incontri con gli uffici scolastici regionali.

04/12/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 4 dicembre 2020 è stato convocato il Tavolo Permanente sulla Sicurezza per fare il punto con all’odg il tema delle povertà educative.

Erano presenti per il Mi la dott. ssa Giovanna Boda, Capo dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali, oltre ai rappresentanti del Ministero della salute, delle famiglie, del Cts e di alcune istituzioni locali.

La dott. ssa Boda nella sua introduzione ha precisato che l’ascolto delle esperienze riportate dai convenuti rappresenta per il tavolo permanente un utile momento di testimonianza in previsione dell’aggiornamento del protocollo MI/sindacati siglato il 6 agosto scorso. A questo proposito saranno a breve calendarizzati tre incontri con i direttori regionali del nord, del centro e del sud i quali relazioneranno sui tavoli locali che stanno gestendo e rappresenteranno quali sono dai loro punti di vista le tematiche di carattere centrale da inserire nel protocollo nazionale.

Sono poi intervenuti nell’ordine il dott. Di Bella del tribunale dei minori di Catania che ha illustrato un progetto sulle povertà educative, il Prefetto Dispenza, che ha riportato l’esperienza del comune di Vittoria (RG), commissariato da 30 mesi e Cesare Moreno, rappresentante dei Maestri di Strada di Napoli che ha sottolineato l’importanza di intervenire nei quartieri a rischio dispersione della città. Da tutte le testimonianze è stato evidenziato come la funzione educativa della scuola nei contesti più degradati corra il rischio di essere indebolita dalla DAD che allenta i legami soprattutto con la fascia più vulnerabile della popolazione scolastica. Perciò è necessario che specialmente in questi contesti le scuole vengano sostenute con risorse adeguate a garantire la didattica in presenza, per poter continuare a svolgere la loro insostituibile funzione di presidio educativo.

È poi intervenuta la rappresentante del Ministero della Salute che ha comunicato l’imminente aggiornamento del Rapporto n. 58 dell’Istituto Superiore di Sanità sulla gestione dei casi positivi a scuola, ora al vaglio del CTS.

La dott.ssa Boda ha inoltre annunciato che è stato stipulato un nuovo protocollo col sistema carcerario per l’istruzione dei minori e delle persone soggette a restrizione della libertà personale. La FLC CGIL su questo tema ha chiesto che siano coinvolti i CPIA con disposizioni specifiche che ad oggi mancano.

Come FLC CGIL, nel sottolineare l’importanza di mettere in campo tutte le azioni necessarie per scongiurare il pericolo, che, a causa della pandemia, aumentino fenomeni di marginalità e di povertà educativa, abbiamo richiesto con urgenza un incontro specifico del Tavolo per aggiornare il protocollo di agosto alla luce delle esperienze e soprattutto delle disfunzionalità di questi mesi ed in previsione del rientro a scuola in presenza degli alunni delle superiori, come stabilito dall’ultimo dpcm del 4 dicembre.

Abbiamo inoltre posto all’attenzione del tavolo alcuni problemi che urge risolvere.

RILEVAZIONI SETTIMANALI

È necessario rivedere il sistema delle rilevazioni settimanali dei contagi, evitando di reiterare richieste già fornite dalle scuole (numero alunni classi ecc) ed eliminando richieste di informazioni che le scuole non sono in grado di fornire per mancanza di interlocuzioni dirette con le ASL.
Occorre alleggerire le richieste e renderle più puntuali, in modo da poter avere a disposizione dei dati
A questo proposito abbiamo sottolineato l’urgenza di un incontro specifico per un confronto sui dati del contagio nelle scuole.

ORARI ED ORGANICI

Riteniamo che la rimodulazione degli orari con la turnazione sia possibile in periodo di emergenza sanitaria, tuttavia crediamo anche che, per il rispetto del tempo di studio e di vita degli alunni e dei docenti, si devono tenere in dovuto conto le note difficoltà di organico che ci sono oggi. Pertanto le rimodulazioni devono essere organizzate nei limiti della sostenibilità possibile con gli organici docenti, educativi ed ATA oggi in servizio.

TRASPORTI

Nella costituzione di tavoli prefettizi previsti dall’ultimo DPCM abbiamo chiesto il coinvolgimento delle parti sociali e del settore trasporti e del settore scolastico.

CREDITI SUI VIAGGI DI ISTRUZIONE ANNULLATI

Non ci risulta che sia stata fatta una rilevazione dei crediti delle scuole nei confronti delle agenzie di viaggio per viaggi annullati. Dalle nostre informazioni si tratta di cifre molto consistenti di cui le famiglie in molti casi pretendono la restituzione, non accettando i voucher emessi dalle agenzie (quando siano stati regolarmente emessi). Tenuto conto della sospensione dei viaggi di istruzione anche per l’a.s. 20/21, è necessario trovare delle soluzioni anche attraverso accordi nazionali che prevedano la trasformazione dei crediti in servizi di trasporto scolastico e specifiche risorse per la restituzione alle famiglie di quanto anticipato per i viaggi.

UTLIZZO DELLA DAD PER ESIGENZE DIVERSE DALLA PANDEMIA

Sono molte le segnalazioni di amministrazioni comunali che pubblicano ordinanze di chiusura delle scuole per brevi periodi per cause di forza maggiore (maltempo) dando indicazioni ai Dirigenti di attivare in quei periodi la didattica a distanza. Addirittura alcuni sindaci hanno anticipato di un mese le vacanze natalizie per lavori di manutenzione, imponendo alle scuole la didattica a distanza. Si tratta di una chiara invasione della autonomia delle scuole e di una distorsione dello strumento della DDI per fini diversi da quelli per cui è prevista. Il Ministero deve intervenire a fare chiarezza.

GESTIONE ASSENZE IN SIDI

Ad oggi mancano nel SIDI i codici per le assenze dovute a malattia “covid”: è urgentissimo aggiungerli.

FONDI PER ACQUISTO MATERILI PULIZIA E SANIFICAZIONE

Alle scuole servirebbero fondi per acquistare materiale per le spese per sanificare gli ambienti (visto che con l’ultimo protocollo sull’emergenza è scritto che il comune non effettua più la sanificazione) ed anche per materiali di pulizia, dato che quest’anno se ne stanno utilizzando più degli scorsi anni.

ORGANICO COVID

Anche per la rata di novembre il sistema è in tilt: bisogna attivare un pagamento certo che assicuri lo stipendio al personale supplente, con regolarità.

HELP DESK

È necessario potenziare il servizio per renderlo veramente efficace. L’help desk amministrativo contabile è funzione utile e di supporto se le risposte alle domande sono tempestive.

Al temine della riunione la dott.sa Boda, nel raccogliere l’esortazione della FLC CGIL di procedere in tempi stretti all’aggiornamento del protocollo sulla sicurezza, ha chiesto al sindacato l’invio di contributi scritti in modo che essi costituiscano la base per aggiornare il testo siglato il 6 agosto scorso.

Nelle giornate del 14, 15 e 16 dicembre si svolgeranno le audizioni con gli uffici scolasti regionali, finalizzate ad una più tempestiva ed efficace condivisione delle varie problematiche territoriali/nazionali.