Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Scuola » Scrutini finali a.s. 2020/2021: gli USR possono autorizzarne la conclusione entro il termine delle lezioni

Scrutini finali a.s. 2020/2021: gli USR possono autorizzarne la conclusione entro il termine delle lezioni

Le scuole dovranno attendere le decisioni degli Uffici Scolastici a calendari già fissati. Accolte le richieste del CSPI.

18/05/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Dopo il parere espresso dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione il 27 aprile scorso, il Ministero dell’Istruzione pubblica l’Ordinanza 159 del 17 maggio 2021, che autorizza gli USR ad anticipare la conclusione degli scrutini entro la data della fine delle lezioni.

Tale possibilità, com’è noto, è contemplata dall’art. 231-bis della legge 77/2020 di conversione del dl 34/2020, in previsione del perdurare dello stato di pandemia.

Saranno ora i direttori generali degli USR a dover valutare la necessità di prevedere questa possibilità per le scuole della regione, sulla base della data prevista per il termine delle lezioni che, com’è noto, è definita dai singoli calendari regionali.

L’ordinanza segue di pochi giorni la nota con cui il Ministero ha comunicato alle scuole le modalità operative di attuazione del Piano scuola estate ed è evidentemente collegata alla programmazione delle attività del Piano che, nella FASE I del mese di giugno, prevede appunto lo svolgimento di attività di rinforzo delle competenze disciplinari al temine della valutazione del percorso formativo 

Riteniamo che le singole istituzioni scolastiche, sulla base delle decisioni che saranno assunte dagli USR di riferimento, debbano poter gestire in autonomia e con i tempi necessari la programmazione delle operazioni di conclusione dell’anno scolastico e l’eventuale svolgimento delle attività previste dal Piano Scuola Estate, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali.

Rileviamo pertanto come elemento di forte criticità il susseguirsi in tempi molto ristretti di indicazioni operative che costringono le scuole a rivedere continuamente attività già programmate da tempo.

Auspichiamo che i direttori generali degli USR considerino attentamente le attuali difficoltà delle scuole e non aggiungano ad esse indicazioni prescrittive contrarie al senso della norma.