Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Scuola: in Parlamento la ripartizione dei fondi a favore degli enti, istituti, associazioni, fondazioni

Scuola: in Parlamento la ripartizione dei fondi a favore degli enti, istituti, associazioni, fondazioni

Il Ministro sottopone al parere delle commissioni parlamentari il piano di riparto per l’anno 2007 delle risorse destinate a specifici enti nazionali

03/05/2007
Decrease text sizeIncrease  text size

Con la nota n. 529/p del 23 marzo 2007 , ilMPI ha inviato alle commissioni parlamentari la proposta di piano di riparto per l’anno 2007 dei fondi per gli enti nazionali, specificamente indicati nella tabella A, che è parte integrante della suddetta nota.

In base alla legge finanziaria del 1996 il MPI è obbligato a chiedere preventivamente il parere delle commissioni parlamentari prima di attribuire i fondi di cui godono Enti nazionali prestigiosi, come il Museo della scienza e della Tecnica di Milano o quello internazionale della ceramica di Faenza, per citare solo il primo e l’ultimo dell’elenco,ed al Parlamento essi rendicontano la propria attività.

Anche su questo finanziamento è calata la mannaia della finanziaria 2007 con la riduzione dello stanziamento complessivo da 7.175.590a 2.945.481,89.

In particolaresi registra la somma destinata agli ex Indire e IRREed iscritta oggi per la nuova Agenzia Nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica, in attesa degli atti regolamentari che le diamo piena attuazione.

Interessa ricordare soprattutto la fase di rendicontazione annuale cui i soggetti sono tenuti: infatti essa, più che un fatto meramente contabile, dovrebbe permettere alle commissioni di valutare gli obiettivi definiti dalle politiche pubbliche di settore, soprattutto quando questi, come per l’Agenzia, dovrebbero essere diversi da quelli tradizionalmente svolti dagli Enti precedenti oggi soppressi, adeguati ai tempi ed al mandato sociale che alla scuola si affida.

FLC Cgil auspica che le commissioni parlamentari, nel loro dibattito, affrontino questo nodo, che implica una visione sempre più unitaria del sistema nazionale d’istruzione in cui il ruolo della Agenzia sia davvero quello sostenere e liberare la progettualità delle scuole, a lungo compressa, favorendo l’autonomia scolastica e la vitalità delle scuole.

Roma, 3 maggio 2007

Tag: fondazioni