Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Scuola non statale. Il Consiglio dei Ministri approva il nuovo regolamento sulle convenzioni con le scuole primarie paritarie

Scuola non statale. Il Consiglio dei Ministri approva il nuovo regolamento sulle convenzioni con le scuole primarie paritarie

Analizziamo lo schema di Regolamento presentato dal Ministro della Pubblica Istruzione e approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 12 ottobre u.s.. Ma è chiaro a tutti che cosa è stato approvato e quali conseguenze si prefigurano? Dalla lettura dell’articolato non mancano le sorprese ed il giudizio non può che essere negativo.

22/10/2007
Decrease text sizeIncrease  text size

In allegato pubblichiamo un'analisi molto dettagliata dello schema di Regolamento presentato dal Ministro della Pubblica Istruzione ed approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 12 ottobre u.s.. Il relativo Decreto del Presidente della Repubblica sarà emanato non appena ottenuto il parere del Consiglio di Stato. Siamo di fronte ad un testo che va ben oltre la normativa vigente

Infatti, schema di Regolamento contiene una serie di criticità sia sul versante politico che giuridico in quanto configura ed estende in maniera inusuale rispetto all'attuale assetto costituzionale e legislativo il principio della sussidiarietà con il palese scopo di aggirare l'inciso costituzionale del "senza oneri per lo stato".

Sulla base di questa considerazione la FLC Cgil non solo non condivide l'azione del Ministro ma chiede di rivedere complessivamente sia lo schema di Regolamento che la stessa legge 27/'06 che, in fatto e in diritto, contrastano con quanto disposto dalla Legge 62/'00 e dalla stessa Costituzione.

Con tale atto, che ancora non ha avuto il parere favorevole del Consiglio di Stato, è intenzione del Ministro, infatti, dare pienamente efficacia a quanto stabilito dalla legge e, per sua esplicita ammissione, procedere a " una revisione di quanto normato dal RD 1297/28 e a un'estensione della platea destinataria della convenzione medesima".

Ossia con la scusa del superamento della fase transitoria e con la riscrittura delle nuove convenzioni a tutte le scuole primarie paritarie, di fatto e di diritto si introduce il concetto di sussidiarietà, benché momentaneamente limitato alla sola scuola primaria paritaria.

Roma, 22 ottobre 2007