Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » Personale scolastico all’estero: tutto da rifare per le graduatorie 2021 dei docenti a causa di un errore del sistema

Personale scolastico all’estero: tutto da rifare per le graduatorie 2021 dei docenti a causa di un errore del sistema

Oggi prevista la risoluzione del problema tecnico che ha escluso tutti i docenti fra i 20 ed i 24 punti: le graduatorie provvisorie saranno annullate, corrette e ripubblicate. La FLC CGIL esprime preoccupazione per quest’ennesimo ritardo che inevitabilmente ricadrà sull’organizzazione dei corsi e delle lezioni del prossimo anno scolastico.

09/08/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

A seguito di una serie di problemi da noi segnalati, il MAECI ha urgentemente convocato i sindacati il 9 agosto per fornire i dovuti chiarimenti.
Nella predisposizione del sistema Polis, per i docenti non è stata aggiornata la funzione sul punteggio minimo per l’ammissione alla prova orale, nel 2019 era di 25 punti, mentre nel 2021 è stato abbassato a 20 punti: questo ha comportato la non ammissione di tutti i candidati con punteggio fra i 20 ed i 24 punti.

Tutto da rifare! Il MAECI ha contattato il gestore della piattaforma che dovrebbe poter risolvere il problema in giornata, per cui l’Amministrazione provvederà a breve sia ad emanare un decreto di annullamento delle graduatorie dei docenti elaborate e pubblicate il 6 agosto sia a pubblicare delle nuove graduatorie, con lo slittamento dei tempi per i reclami, la pubblicazione delle graduatorie definitive ed il calendario degli orali.

Il MAECI ha inoltre comunicato che la scelta di pubblicare le graduatorie in un’area riservata accessibile ai soli interessati deriva da un’interpretazione del responsabile del trattamento dei dati personali e dell’Ufficio concorsi del MAECI stesso che hanno letto in forma particolarmente restrittiva le Linee Guida del Garante della Privacy per la gestione dati sui siti delle Pubbliche Amministrazioni (2014) e l’art.2-ter del D.lgs 196/2003 e successive modificazioni.

Il MAECI ha fornito infine altre informazioni:

  • i colloqui orali per il personale ATA cominceranno il 31 agosto, mentre per i dirigenti scolastici il 7 settembre;
  • la seconda commissione che valuta le domande dei docenti con priorità non ha ancora completato le valutazioni, che saranno terminate e rese note a breve;
  • le graduatorie del 2019 sono pubblicate per ora con i soli inserimenti legati all’esecuzione di recenti sentenze di ricorsi di docenti esclusi: in un secondo momento si provvederà a ripulire le graduatorie e avviare le individuazioni per il 2021/22 (anche se per alcune graduatorie si sta già procedendo);
  • il MAECI sta lavorando ad una propria piattaforma che dovrebbe gestire i prossimi bandi concorsuali, che sono previsti già per l’autunno 2021 per le graduatorie che si esauriranno con le nomine 2021/22.

La nostra posizione

Pur riconoscendo lo sforzo tempestivo dell’Amministrazione di trovare una soluzione in tempi rapidi, la FLC CGIL non ha potuto non riscontrare che quest’ennesimo intoppo di natura tecnica rallenterà l’individuazione del personale da inviare all’estero e quindi il prossimo anno scolastico si aprirà con enormi difficoltà: sono più di 100 i posti da coprire. Sicuramente un maggior coinvolgimento dei sindacati nella fase di elaborazione della piattaforma (non c’è stata nessuna presentazione della piattaforma né simulazione PRIMA dell’apertura delle Istanze) avrebbe permesso di evitare alcuni intoppi.

Inoltre abbiamo contestato l’interpretazione delle Linee Guida: il MAECI infatti limita le relazioni sindacali escludendo con questo sistema la possibilità da parte delle organizzazioni sindacali, che pure sono state interessate dal confronto sui testi dei bandi, di poter svolgere il ruolo di controllo e tutela delle lavoratrici e dei lavoratori interessati. In questo senso abbiamo chiesto al MAECI che si trovi urgentemente una soluzione che permetta maggiore trasparenza e partecipazione del sindacato.