Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » Scuole Italiane all’Estero: concluso il confronto sul contingente 2021/2022

Scuole Italiane all’Estero: concluso il confronto sul contingente 2021/2022

Il MAECI opera una manutenzione conservativa del contingente in essere. Serve una programmazione pluriennale dell’offerta formativa che permetta di rispondere alle esigenze delle sedi consolari e del personale che intende confrontarsi con l’esperienza all’estero.

12/03/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Venerdì 12 marzo si è concluso l’esito del confronto fra MAECI e organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL sul contingente 2021/2022.

L’amministrazione ha reso note le 107 richieste dalle sedi consolari per l’istituzione di nuovi posti a cui si sono aggiunte anche 8 richieste di soppressione di posti.

Queste le richieste di soppressione:

BASILEA

Iniziative per la Lingua e la Cultura Italiana all’Estero

1 docente (002)

1 DS

primario

CHARLEROI

Iniziative per la Lingua e la Cultura Italiana all’Estero

2 docenti (002/002)

primario

CHARLEROI

Cattedra mista: Iniziative per la Lingua e la Cultura Italiana all’Estero/Scuola Internazionale S.H.A.P.E. di Shape Casteau

1 docente (002)

primario

LONDRA

Scuola Paritaria “Sial

1 docente (002)

primario

BRNO

Masarykova Univerzita

1 lettore (034)

I o II grado

È stato inoltre soppresso 1 posto (funzione 010) a Barcellona perché con un numero di ore inferiore alle 18 e perciò non costituenti cattedra.

A fronte di queste richieste sono stati approvati soltanto 8 posti:

ADDIS ABEBA

Istituto Italiano Statale Omnicomprensivo

  1. 1 docente tecnico di laboratorio II grado
  2. 1 docente (02S) sostegno primario
  3. 1 docente (010) I grado

Su richiesta della sede in quanto

  1. tipologia di docente non è reperibile in loco
  2. su richiesta della sede vista la presenza di diversi alunni con disabilità certificata per la quale si ritiene maggiormente idonea come soluzione l’assegnazione di un ulteriore posto di sostegno
  3. tipologia di docente non reperibile in loco (compensazione dovuta alla soppressione del posto 010 I grado a Barcellona)

BARCELLONA

Istituto Italiano Comprensivo Statale

1 docente (02S) sostegno primario

su richiesta della sede vista la presenza di diversi alunni con disabilità certificata per la quale si ritiene maggiormente idonea come soluzione l’assegnazione di un ulteriore posto di sostegno

BERNA

Ambasciata

1 DS

su richiesta della sede (compensazione dovuta alla soppressione del posto di DS a Basilea)

BETLEMME

Bethlehem University

1 lettore (034) I o II grado

su richiesta della sede, nell’anno delle celebrazioni di Betlemme capitale della cultura araba. Si tratta del primo ateneo fondato in Cisgiordania con oltre 3300 studenti, cristiani e mussulmani, la cui missione si ispira ai principi della coesistenza e del dialogo interreligioso

compensazione dovuta alla soppressione del posto a BRNO - Masarykova Univerzita

MADRID

Istituto Comprensivo Statale

1 docente (002) primario

su richiesta della sede tenuto conto del numero elevato degli alunni e dell’orario settimanale di funzionamento della scuola

PARIGI

Istituto Italiano Comprensivo Statale

1 docente (03S) sostegno I grado

su richiesta della sede vista la presenza di diversi alunni con disabilità certificata per la quale si ritiene maggiormente idonea come soluzione l’assegnazione di un ulteriore posto di sostegno

Come FLC CGIL, insieme alle altre organizzazioni sindacali, abbiamo espresso soddisfazione per il rafforzamento delle scuole statali, nonché per l’aumento dell’organico di sostegno, tuttavia riteniamo che questa operazione di rimodulazione sia eccessivamente conservativa, risultando una manutenzione ordinaria di situazioni già consolidate.

Abbiamo ribadito l’importanza di potenziare l’organico scolastico all’estero, attraverso la richiesta di maggiori risorse, ma abbiamo anche richiesto una azione di controtendenza rispetto al passato, che permetta di istituire nuovi posti per l’impiego di tutto il personale attualmente in graduatoria, utilizzando anche la possibilità dei posti di potenziamento dell’offerta normalmente erogata.

Serve perciò una programmazione pluriennale dell’offerta formativa, che richiede un più attento lavoro di ascolto ma anche di rimodulazione degli organici per fare fronte alle richieste ed ai bisogni delle sedi consolari.

Al termine dell’incontro l’amministrazione si è detta disponibile a condividere più momenti di incontro con le organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL sulle possibili variazioni del contingente in corso d’anno e sullo stato delle nomine.

A breve sarà disponibile il verbale di confronto.