Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Scuola » Scuole italiane all'estero » Scuole italiane all’estero: il MAECI risponde alla richiesta di convocazione

Scuole italiane all’estero: il MAECI risponde alla richiesta di convocazione

Sul tavolo i problemi legati alla chiusura dell’anno e all’avvio del prossimo anno scolastico. Particolare attenzione alla Scuola di Asmara.

18/06/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

Il MAECI ha fatto pervenire oggi, 18 giugno 2020, per il 23 giugno la convocazione del tavolo sindacale richiesto dalle organizzazioni sindacali, ed in particolare dalla FLC CGIL.

L’incontro servirà a confrontarsi con l’amministrazione sui temi che riteniamo prioritari al momento, per dare maggiori certezze alle Scuole Italiane, ai corsi ed ai lettorati all’estero, sia per una corretta conclusione dell’anno scolastico in corso sia per programmare l’avvio del prossimo anno scolastico, soprattutto in relazione al fatto che molti Paesi sono ancora in uno stadio avanzato della crisi epidemica.

Per questo la FLC CGIL chiederà l’elenco aggiornato dei posti da coprire e lo stato delle graduatorie da cui attingere per le nomine, ovvero quelle dei bandi 2019 e quelle previste dalla L.41/2020. Inoltre chiederà la tutela delle assegnazioni già fatte ma non perfezionate a causa della pandemia.

Sarà poi l’occasione per chiarire alcuni aspetti amministrativi per la fruizione delle ferie, in modo che non risentano delle limitazioni della “quarantena”, secondo l’interpretazione che abbiamo già messo all’attenzione dell’amministrazione.

All’ordine del giorno ci sarà inoltre la situazione della Scuola Italiana di Asmara: il governo eritreo sembra voler chiudere la Scuola che in quest’ultimo anno ha avuto, come abbiamo spesso denunciato, grosse difficoltà di organico con notevoli ripercussioni sulla didattica, a causa dei ritardi nelle nomine.

La FLC CGIL chiederà al MAECI di tutelare non solo la Scuola, che storicamente è fra le più importanti del sistema scolastico statale all’estero, ma soprattutto tutti i docenti attualmente in servizio in Eritrea, perché, nell’ipotesi nefasta di una chiusura della Scuola, sia eventualmente garantita loro una ricollocazione d’ufficio, con modalità “a domanda”, anche in discipline affini se non saranno presenti disponibilità.

Vi terremo aggiornati.