Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Scuola » Secondaria di II grado. Il MIUR rettifica le tabelle di assegnazione alle classi di concorso e di riduzione nelle classi successive

Secondaria di II grado. Il MIUR rettifica le tabelle di assegnazione alle classi di concorso e di riduzione nelle classi successive

A organici quasi pronti si correggono documenti e decreti di marzo aggiungendo ai tagli ulteriore confusione.

01/06/2011
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Ministero ha pubblicato il 31 maggio la nota 4561 con la quale ritrasmette i provvedimenti relativi all’assegnazione degli insegnamenti nelle classi prime e seconde e i Decreti interministeriali di riduzione oraria nelle classi successive.

Con una procedura del tutto anomala vengono ritrasmesse le note 271/11 e 272/11 con alcune rettifiche ( tabelle istituti tecnici, tabelle istituti professionali, tabelle licei) rispetto ai contenuti originari.

L’unico dato positivo è il ripristino delle competenze del Collegio docenti rispetto alla individuazione degli insegnamenti da ridurre in presenza di più di uno per la stessa classe di concorso, come richiesto dal CNPI nel parere del 30 marzo 2011.

E’ però grave che non si siano accolte le altre osservazione del CNPI relative al mancato bilanciamento delle riduzioni e alla riduzione delle ore degli insegnanti tecnico pratici che si configura come un eccesso di delega rispetto a quanto previsto dai regolamenti.

Questo modo di procedere è un altro segno della confusione che regna al Ministero: la foga del fare sembra aver sostituito quella del riflettere e del far bene.

E’ un altro macigno sulle scuole che proprio in questi giorni stanno cercando di applicare le norme sui tagli nel modo meno doloroso per i propri studenti e che si vedono in molti casi cancellare il lavoro fatto costringendo gli uffici a corse contro il tempo per rispettare le scadenze fissate.

Come FLC CGIL attiveremo tutte le azioni possibili, anche legali, per fermare questo sfacelo e per ridare garanzie e certezze alle scuole, ai lavoratori, agli studenti e ai genitori.