Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Settimo incontro di tavolo tecnico sulla semplificazione: ora si passi alla fase operativa

Settimo incontro di tavolo tecnico sulla semplificazione: ora si passi alla fase operativa

La FLC CGIL e gli altri Sindacati chiedono la formazione di un gruppo centrale “per l’armonizzazione” tra i tempi della Scuola e quelli dell’Amministrazione. Prossimo incontro con il Capo Dipartimento.

06/03/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

Si è svolto oggi, 6 marzo 2014, il settimo incontro di tavolo tecnico sulla semplificazione amministrativa circa gli argomenti non affrontati nell’ultimo confronto del 13 febbraio scorso riguardanti:

multe pagamento oneri riflessi; regolamento di contabilità; formazione del personale; aumento fondo di funzionamento: aggiornamento  DM 21/2007; informativa su finanziamenti: 440, DL 104/13; residui attivi; armonizzazione dei tempi della scuola e i tempi dell’amministrazione.

In modo particolare il confronto si è svolto sull’ultimo tema. Infatti dalla FLC CGIL e dagli altri sindacati è stato sottolineato come i provvedimenti, che vengono varati dal Governo e riguardanti tutta l’amministrazione statale, molte volte hanno delle ricadute sulle scuole senza che esse vengano preparate alla loro gestione. L’ultimo esempio è dato dalle norme sulla semplificazione: numerose scuole hanno operato senza indicazioni giungendo, loro malgrado, a fare degli acquisti che ora si rivelano inutili giacché occorre attendere le disposizioni specifiche per la scuola. Per questo abbiamo unitariamente proposto la formazione di un gruppo centrale al Ministero, composto da personale esperto, con il compito specifico di esaminare, prima e dopo il varo dei provvedimenti, il contenuto di essi, al fine di vagliarne proprio le implicazioni gestionali da parte delle scuole.

L’amministrazione ha preso l’impegno di sottoporre la questione al Gabinetto e/o al Dipartimento della programmazione e delle risorse umane finanziarie e strumentali.

Altro argomento di discussione è stato quello del pagamento di multe che vengono irrogate a carico dei Dirigenti Scolastici per il mancato pagamento degli oneri riflessi sugli stipendi dei supplenti nel periodo in cui per lunghi anni non venivano trasferiti i fondi da parte del Ministero alle istituzioni scolastiche. Anche su questo è stato ribadita la necessità di affrontare l’argomento congiuntamente con la direzione del personale.

Anche su questa, come su tutte le altre questioni, pur poste all’ordine del giorno, si è convenuto di demandarle, visto il loro contenuto di carattere generale, ad un esame congiunto con lo stesso Capo Dipartimento.

Sarà necessario che in quella sede si affrontino non solo le questioni sopra richiamate ma anche tutte quelle che abbiamo posto nel corso degli incontri di tutti e tre i Tavoli tecnici, che - ricordiamolo - sono stati costituiti per iniziativa della FLC CGIL, che nel mese di settembre del 2013 aveva proclamato lo stato di agitazione degli ATA e aveva poi conciliato, proprio per aver strappato all’Amministrazione sedi di confronto che ora devono avere le loro concrete ricadute operative.

Lavoreremo affinché tale incontro con il Capo Dipartimento avvenga entro le prossime due settimane.