Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Scuola » Sofferenze finanziarie delle scuole: qualcosa si muove. Ma ancora non ci siamo affatto

Sofferenze finanziarie delle scuole: qualcosa si muove. Ma ancora non ci siamo affatto

La vigilanza della FLC Cgil dopo l’iniziativa del 12 febbraio: una variazione di bilancio per i crediti supplenze 2007; i dati per il 2008; il piano di rientro per il 2006. Ancora nulla per il funzionamento.

12/03/2009
Decrease text sizeIncrease  text size

>> Speciale sciopero 18 marzo 2009 <<

La vigilanza della FLC Cgil, dopo la manifestazione del 12 febbraio 2009 davanti al MIUR che raccolse e rilanciò la protesta delle scuole per l’estrema sofferenza finanziaria dei bilanci scolastici, si sta esercitando sul Ministero per il rispetto di quegli impegni che furono assunti dagli alti funzionari che ricevettero una nostra delegazione di Dirigenti Scolastici, Direttori dei Servizi, Genitori e Studenti.

Abbiamo, dunque, appreso dal Ministero che per i crediti accumulati dalle scuole per le supplenze del 2007 è acquisita una variazione di 126 milioni di euro. E questo è un dato positivo.

Per quanto riguarda i dati dei crediti delle scuole sul 2008, essi saranno disponibili solo dopo l’acquisizione dei consuntivi delle istituzioni scolastiche.
Per i crediti che le scuole vantano relativamente alle spese fino al dicembre 2006, il Ministro ha presentato la richiesta al Parlamento per il piano di rientro come ci fu comunicato nell’incontro del 12 febbraio.

Siamo stati informati inoltre della spedizione di una tranche di finanziamento (FIS, supplenze brevi, acconto esami di stato, ex LSU e co.coc.co.) con esigibilità al 23 marzo.

Continua ad essere ignorata la gravissima questione dei fondi del funzionamento. E di questo il Governo dovrà incominciare a rispondere non solo alle scuole e ai suoi operatori ma anche alle famiglie e all’intera società civile, dal momento che alle istituzioni scolastiche dovrà pure essere detto come mandare avanti il servizio, perdurando la mancanza di risorse per il minimo indispensabile.

Roma, 12 marzo 2009