Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Università » AFAM » AFAM: nota esplicativa sulle modalità di ampliamento delle dotazioni organiche

AFAM: nota esplicativa sulle modalità di ampliamento delle dotazioni organiche

Le istituzioni hanno tempo fino al 30 dicembre per caricare tutta la documentazione. È un momento storico per l’alta formazione artistica e musicale.

08/12/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Ministero dell’Università e della Ricerca con la nota 16686 del 7 dicembre 2021 ha fornito indicazioni alle istituzioni AFAM statali per l’ampliamento delle dotazioni organiche.

I commi da 889 a 891 dell’articolo 1 della Legge 178/20, prevedono che  a decorrere dall’anno accademico 2021/2022 le dotazioni organiche delle istituzioni afam statali siano incrementate per una cifra pari a 12 milioni di euro per l’anno 2021 e di 70 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022. Le risorse sono prelevate dal “Fondo per le assunzioni del personale delle amministrazioni statali” (Legge 178/20 art. 1 comma 854).
A tal fine è stato emanato il decreto interministeriale MUR-MEF 1226/21 di ripartizione delle risorse tra istituzioni (allegato 1 al D.I.). Il decreto prevede che le istituzioni trasmettano al Ministero dell’università e della ricerca tutta la documentazione richiesta secondo modalità definite dal competente ufficio dello stesso ministero.
In applicazione del decreto il MUR ha inviato alle istituzioni la nota 16686/21.

Piattaforma CINECA

Ogni istituzione accedendo all’apposita sezione riservata della piattaforma Cineca trova

  • l’importo attribuitole con il D.M. 1226,
  • i risparmi derivanti da precedenti variazioni dell’organico attualizzati

La somma dei due importi rappresenta il budget utilizzabile.

Per i docenti occorre inserire il numero di cattedre che si intende attivare e per ciascuna cattedra occorre

  • indicare il settore artistico disciplinare
  • la stima del risparmio in termini economici per la riduzione dei contratti fuori organico e per le ore di didattica aggiuntiva
  • la riduzione a regime in termini di ore dei contratti fuori organico e per le ore di didattica aggiuntiva in virtù dell’inserimento in organico di quel posto da docente.

È presente un campo note per illustrare, se necessario, la stima effettuata o per spiegare perché una specifica cattedra non comporta risparmi.

Per il personale tecnico amministrativo è necessario indicare il numero di posti da attivare per ciascun profilo professionale. I posti attivabili sono: Direttore di biblioteca, Collaboratore, Assistente, Coadiutore.

Il sistema è impostato già in maniera da moltiplicare il costo medio equivalente di ciascun profilo per il numero di posti attivati.

Le istituzioni devono caricare in piattaforma la delibera del Consiglio Accademico e la delibera del Consiglio di amministraziione nelle quali occorre adeguatamente motivare ogni scelta che viene effettuata.

Tempistica 

La piattaforma per l’inserimento dei nuovi posti in organico e per il caricamento delle delibere del Consiglio Accademico e del Consiglio d’Amministrazione sarà disponibile fino alle ore 12.00 di giovedì 30 dicembre 2021.

Linee di indirizzo per l’ampliamento delle dotazioni organiche 

Docenti
L’ampliamento dell’organico deve garantire una proporzionale riduzione degli incarichi esterni. Pertanto devono essere creati posti in corrispondenza degli insegnamenti affidati all’esterno o su cui viene attribuito un elevato ammontare di ore di didattica aggiuntiva.

La nota ministeriale sottolinea come l’inserimento in organico di cattedre su cui normalmente si effettua il ricorso a contratti esterni, consente l’assorbimento di una parte di storico precariato.

Personale Tecnico amministrativo
Premesso che è necessario che ogni istituzione abbia un adeguato organico tecnico-amministrativo per fronteggiare le sfide dell’autonomia derivanti dal processo di attuazione della Legge 508/1999, l’ampliamento rappresenta l’opportunità di inserire nelle dotazioni organiche uno o più posti di Collaboratore (area III), tenendo conto della possibilità di effettuare il reclutamento indicando specifici profili di competenza (Collaboratore informatico, Collaboratore amministrativo, Collaboratore giuridico, Collaboratore di biblioteca, eccetera). Tale ampliamento può contribuire alla gestione di sfide quali la digitalizzazione, l’internazionalizzazione, la gestione di uffici legali, di uffici reclutamento o di uffici acquisti anche con riferimento al personale in servizio.

Inoltre è opportuno inserire nelle dotazioni organiche posti di natura tecnico-amministrativa (Coadiutore, Assistente, Collaboratore) laddove vi sia personale precario, che abbia maturato i requisiti per la stabilizzazione su posto non vacante.

È possibile prevedere nella dotazione organica un posto da Direttore di biblioteca (profilo EP/1), che è figura naturalmente distinta dal Direttore di ragioneria. Il MUR segnala l’opportunità di prevedere il posto da Direttore di biblioteca solo laddove non vi sia un “docente bibliotecario” di ruolo, al fine di evitare una duplicazione di ruoli e di spesa, fatta salva l’eventuale e motivata esigenza (con riferimento alle dimensioni e rilevanza della biblioteca) di annoverare entrambe le figure nella dotazione organica.

Reclutamento 2021/2022 

In seguito alla delibera del Consiglio d’Amministrazione e all’inserimento dei nuovi posti in piattaforma, sarà possibile avviare il reclutamento a tempo determinato del personale tecnico-amministrativo.

Il reclutamento a tempo determinato del personale docente per l’anno accademico 2021/2022 avverrà innanzitutto dalle graduatorie nazionali a cura del MUR, salvo per gli insegnamenti ove tutte le graduatorie nazionali siano già esaurite, per i quali le Istituzioni potranno reclutare da graduatorie di istituto, senza necessità di ulteriori autorizzazioni.

Nuove dotazioni organiche 

Gli ampliamenti delle dotazioni organiche saranno adottati con decreto da parte del MUR, previo concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze e con il Dipartimento della funzione pubblica.
Una volta registrati, i posti entreranno a pieno titolo nelle dotazioni organiche e potranno essere oggetto di procedure di mobilità e di immissione in ruolo, con riferimento, per il personale docente, all’anno accademico 2022/2023.