Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Università » AFAM » AFAM: prorogate per l’anno accademico 2020/21 le attuali procedure sulla mobilità del personale

AFAM: prorogate per l’anno accademico 2020/21 le attuali procedure sulla mobilità del personale

L’ordinanza Ministeriale sarà pubblicata la prossima settimana.

30/07/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

Durante l’incontro del 30 luglio 2020 con l’ex Ufficio VI (Reclutamento e carriere del personale delle istituzioni AFAM) del Ministero dell’Università e Ricerca, è stato sottoscritto un verbale con il quale le organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL “Istruzione e Ricerca” e l’Amministrazione hanno concordato di confermare la validità del CCND 31 maggio 2002 anche per l’a.a. 2020/21. L’Ordinanza Ministeriale sarà pubblicata probabilmente nella prossima settimana, mentre la scadenza per la presentazione delle domande di trasferimento dovrebbe essere fissata intorno al 10 settembre.

Durante l’incontro il Dirigente dell’ufficio ha informato sulla “road map” sulle stabilizzazioni del personale Tecnico Amministrativo ferme ancora all’a.a. 2018/19. In particolare per le assunzioni 2019/20 si continuerà a utilizzare la procedura usata in questi anni, ossia: compilazione delle graduatorie di istituto 24 mesi, loro invio all’amministrazione centrale, costituzione di elenchi nazionali compresi quelli relativi alle figure il cui requisito è quello dei 36 mesi, individuazione delle percentuali di assunzioni per profilo professionale, richiesta delle autorizzazioni al Ministero dell’economia e al Dipartimento per la Pubblica Amministrazioni. Queste assunzioni dovrebbero essere effettuate nel mese di gennaio 2021. Intorno al mese di febbraio è prevista la registrazione dei decreti interministeriali sugli organici di tutte le istituzioni AFAM. Per il 2020/21 le assunzioni saranno fatte sulla base dei posti liberi di ciascuna istituzione in relazione alle dotazioni organiche utilizzando le graduatorie aggiornate al 31 ottobre 2020. Tempi previsti: aprile/maggio 2021.

Riguardo ai docenti nominati con contratto a tempo indeterminato per l’a.a. 2019/20 ma ancora privi di stipendio, l’amministrazione cii ha informato che i contratti di lavoro sono pervenuti finalmente all’ufficio centrale di bilancio. La situazione si dovrebbe sbloccare in tempi brevi e mettere fine a una vicenda davvero incredibile ed incresciosa.

Nel condividere questa road map, come FLC CGIL abbiamo segnalato la necessità che il Ministero fornisca indicazione alle istituzioni affinché aggiornino obbligatoriamente ogni anno le graduatorie 24 mesi. Inoltre abbiamo chiesto che venga recuperata l’aliquota dei posti non utilizzata nelle assunzioni 2018/19.

Riguardo alle assunzioni del personale docente abbiamo chiesto che le procedure per la scelta delle sedi vengano effettuate subito senza attendere le autorizzazioni del MEF. Ciò consentirebbe di accelerare i tempi ed evitare i ritardi che si sono avuti in questi anni. Abbiamo anche chiesto che venga emanato al più presto la consueta nota sulle proroghe dei contratti a tempo determinato.

Abbiamo, infine, chiesto un’accelerazione sulla vicenda dei docenti di II fascia la cui situazione deve essere risolta indipendentemente dalla vicenda del Regolamento ul Reclutamento.