Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Università » AFAM » Precari » AFAM, docenti precari legge 205/2017: dal 22 gennaio è possibile verificare il conferimento dell’incarico

AFAM, docenti precari legge 205/2017: dal 22 gennaio è possibile verificare il conferimento dell’incarico

Da oggi è possibile verificare il conferimento dell’incarico. Accettazione o rinuncia entro il 24 gennaio.

21/01/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Con l’avviso 1178 del 21 gennaio 2019 la direzione generale per la programmazione, il coordinamento e il finanziamento delle istituzioni della formazione superiore, comunica che dalle ore 16.00 del 22 gennaio 2019 e fino alle ore 16.00 del 23 gennaio, i docenti inseriti nelle graduatorie ex legge 205/2017 possono verificare l’eventuale assegnazione del contratto a tempo determinato e la relativa sede assegnata, consultando il proprio sito riservato http://afam.miur.it/Legge205_2017/.

Entro le ore 16.00 del 24 gennaio 2019 gli aspiranti possono inserire nella citata area riservata l’accettazione o la rinuncia. La rinuncia all’incarico conferito, anche successiva all’assegnazione, comporta, limitatamente all’anno accademico 2018/2019, l’impossibilità di ottenere un altro incarico a tempo determinato per lo stesso insegnamento.

L’assunzione dovrà avvenire entro 48 ore dall’accettazione. Coloro che inseriranno l’accettazione il 24 gennaio dovranno assumere servizio non oltre il 28 gennaio 2019.

Ricordiamo che per i motivi previsti dalle norme vigenti, che dovranno essere opportunamente documentati con apposita certificazione, l’istituzione, previa valutazione delle relative istanze presentate dagli interessati, potrà concedere la proroga dell’assunzione del servizio. L’istituzione è tenuta a inserire nella piattaforma informatica tale proroga indicando la data nella quale il docente prenderà servizio.

Sono previste circa 500 assunzioni a tempo determinato. Si tratta di risultati che sono stati raggiunti grazie alla mobilitazione dei precari e al lavoro di protesta e di proposta delle organizzazioni sindacali e della FLC CGIL in particolare.