Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Università » AFAM » Precari » AFAM: nominate le commissioni di valutazione delle domande di inserimento nelle graduatorie nazionali 205-bis

AFAM: nominate le commissioni di valutazione delle domande di inserimento nelle graduatorie nazionali 205-bis

30 commissioni. Concluse le operazioni di inserimento in graduatoria e di scelta delle sedi.

20/07/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Si sono concluse le procedure per l’inserimento a domanda nelle nuove graduatorie nazionali ad esaurimento del personale docente, cosiddette graduatorie 205-bis. Si sono altresì concluse le procedure per la scelta delle sedi di coloro che hanno chiesto l’inserimento in tali graduatorie.

Il DM 645/21 prevede la costituzione, presso le istituzioni Afam statali indicate nell’Allegato B, di commissioni per la valutazione delle domande nominate con Decreto del Direttore Generale per la programmazione.

Le 30 commissioni sono state nominate con decreto direttoriale 1844 del 20 luglio 2021 e relativi allegati.

Ricordiamo che ogni commissione è costituita da cinque componenti:

  1. il Presidente, individuato nel Direttore dell’Istituzione sede della procedura o di altra Istituzione AFAM;
  2. il Direttore amministrativo dell’Istituzione o il Direttore di ragioneria;
  3. tre docenti, ordinariamente in servizio di ruolo e appartenenti a diversi settori artistico disciplinari oggetto di valutazione da parte della Commissione, scelti nell’ambito di una rosa di cinque docenti della stessa o di altra Istituzione, indicata dal Consiglio Accademico dell’Istituzione sede della procedura.

Tenuto conto delle specificità degli Istituti Superiori delle Industrie Artistiche, il MUR ha fornite i seguenti chiarimenti con apposita faq.

  1. Il Presidente di commissione può essere individuato anche tra chi è già stato Direttore di un ISIA
  2. I tre docenti componenti della commissione devono essere in servizio e non obbligatoriamente di ruolo

Ai membri delle Commissioni non sono corrisposti compensi, emolumenti ed indennità, fatto salvo il rimborso delle spese di missione con oneri a carico dell’Istituzione sede dei lavori.